Cronaca

Coldiretti plaude al maxi sequestro di pesce in Romea: "Tutti in trincea per il made in Italy"

Tre tonnellate di prodotto ittico dalla Croazia, senza documenti, sequestrate a Mira domenica pomeriggio: "Bene i controlli della Locale, questi commerci illegali danneggiano il mercato"

"Bene il contrasto a forme diffuse di criminalità organizzata che alterano la leale concorrenza tra le imprese ed espongono a continui pericoli la salute delle persone". È il commento di Coldiretti Venezia dopo il sequestro delle tre tonnellate di pesce azzurro che viaggiavano a bordo di un mezzo pesante proveniente dalla Croazia, domenica, ed erano dirette a Chioggia, bloccate per difformità a seguito di controlli della polizia locale di Mira, in Romea. 

Nessuna documentazione sulla filiera: sequestrate 3 tonnellate di pesce in Romea  

Made in Italy

“La politica sindacale di Coldiretti è orientata a valorizzare la produzione Made in Italy attraverso operazioni di tutela e chiarezza. Sono fortemente sostenuti dunque dalla nostra associazione tutti i provvedimenti volti a fermare le speculazioni e garantire maggiore trasparenza nel commercio a tutela delle aziende agricole e dei cittadini", dice il direttore Coldiretti Venezia, Giovanni Pasquali.

Tracciabilità e sicurezza

Due italiani su tre (68%) sono preoccupati dell’impatto di quello che mangiano sulla salute, anche per effetto del ripetersi degli scandali alimentari, secondo l’indagine Coldiretti. È necessario infatti tutelare i primati internazionali conquistati nella qualità alimentare, dal maggior numero di certificazioni alimentari a livello comunitario con 292 prodotti Dop/Igp, anche attraverso azioni di contrasto alle alterazioni, sofisticazioni e adulterazioni degli alimenti. 

Verifiche

Le verifiche hanno accertato come ci fossero diverse irregolarità di tipo documentale e per questo motivo tutta la merce presente è stata sequestrata. A intimare l'alt al conducente, dipendente di una ditta di import-export del Paese di provenienza, la Croazia, gli agenti della Locale: il camionista ha accostato poco prima delle 18, ma i controlli sono continuati piuttosto a lungo. 

Danni per migliaia di euro

Il mezzo pesante era partito con un carico di 6 tonnellate di pesce azzurro e la metà era stata evidentemente già sperciata: le rimanenti 3 tonnellate sono risultate prive di filiera e per questo motivo sono state requisite. Al conducente è stata elevata una multa da 1.500 euro, ma il danno maggiore è il valore del pesce che non raggiungere le tavole dei consumatori, che si aggira sui 6mila euro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coldiretti plaude al maxi sequestro di pesce in Romea: "Tutti in trincea per il made in Italy"

VeneziaToday è in caricamento