Cronaca

Migliaia di spara bolle contaminati Sequestro in un deposito veneziano

I Nas hanno requisito 31mila "spade" stoccate in terra lagunare per poi essere consegnate a una ditta padovana. Potevano causare infezioni

Spade spara bolle contaminate da un batterio responsabile di infezioni. Bocca, mani e occhi. Tra le parti più sensibili del nostro corpo, tra le parti che più spesso vengono a contatto con questi giocattoli venduti spesso dagli abusivi a lato di strade e calli. I carabinieri del Nas di Treviso ne hanno sequestrate 31mila in un deposito doganale privato del Veneziano.

CARENZE IGIENICHE, SEQUESTRATO BAR A CAORLE

Le analisi microbiologiche dei prodotti, eseguite dall'Istituto Superiore di Sanità, hanno evidenziato che il sapone utilizzato per "fabbricare" le bolle era contaminato dal batterio "pseudomonas aeruginosa". I militari prima dell'arrivo dei risultati di laboratorio, avevano già sequestrato l'intera partita di giocattoli proveniente dalla Cina e importata da una ditta padovana. Il valore della merce requisita è di circa 12mila euro, mentre il legale rappresentate della ditta è stato denunciato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migliaia di spara bolle contaminati Sequestro in un deposito veneziano

VeneziaToday è in caricamento