rotate-mobile
Cronaca

Maxisequestro al Porto: nel camion una tonnellata di sigarette di frodo

Le fiamme gialle e i funzionari della Dogana hanno deciso di controllare il carico di un tir sbarcato da una motonave ellenica. Le "bionde" erano nascoste tra prodotti sanitari. Un arresto

Una tonnellata di sigarette di contrabbando è stata sequestrata nel porto di Venezia dalla guardia di finanza lagunare e da funzionari dell'Agenzia delle Dogane, che hanno anche arrestato un cittadino 61enne di nazionalità greca. Quest'ultimo era alla guida di un autoarticolato bulgaro sbarcato dalla motonave Kriti II, proveniente dal paese ellenico e carico di materiale vario, anche sanitario.

 

Sulla base dell'analisi di indici di pericolosità e di approfondimento investigativo, i finanzieri e funzionari hanno voluto esaminare in maniera accurata il carico trasportato che, dalla lettura dei documenti di accompagnamento, era costituito da merci varie, parte delle quali di ridotto valore commerciale.

 

E' stato così deciso di scaricare tutta la parte posteriore dell'autoarticolato. Tra il resto delle merci sono state rinvenute 1.075 chili di "bionde" di contrabbando, nascoste all'interno di imballaggi contenenti articoli sanitari. Si tratta di sigarette di sei differenti marche per un valore commerciale superiore ai 500mila euro. Sigarette, il resto della merce e tir sono stati posti sotto sequestro. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxisequestro al Porto: nel camion una tonnellata di sigarette di frodo

VeneziaToday è in caricamento