menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si denuda, poi minaccia di tagliarsi la gola con un coccio di vetro: ricoverato

L'episodio al Sert di Marghera, attorno alle 9.50 di matedì. L'allarme è stato lanciato da una guardia giurata, dopo che la situazione stava degenerando. Sul posto la polizia

"Sta creando scompiglio, impugnando cocci di vetro". L'allarme è stato lanciato da una guardia giurata in servizio al Sert di Marghera, in via Calabria, attorno alle 9.50 di martedì mattina. Protagonista M.S., cittadino tunisino di 33 anni, in cura al Sert di La Spezia per problemi di tossicodipendenza. L'uomo, con ogni probabilità, ha dato in escandescenze per dei farmaci non concessi, a suo dire indispensabili per la cura della sua dipendenza.

Vista la situazione particolarmente delicata e i problemi creati al personale in servizio, sul posto si è immediatamente portata una volante della polizia, nonché i sanitari del Suem 118. Prima di poter somministrare dei farmaci all'uomo, tuttavia, gli operatori del centro hanno dovuto attendere la conferma della terapia da parte dei propri colleghi liguri.

Passano pochi minuti, ed il 33enne si spazientisce per l'attesa. E qui ha avuto inizio un altro show: l'uomo si è prima denudato, poi si è puntato un coccio di vetro alla gola, minacciando di ferirsi. Gli agenti in servizio sono riusciti a fermarlo nei suoi intenti autolesionistici, autorizzando poi il suo trasferimento al locale noscomio, per tutti gli accertamenti del caso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento