Solidarietà non stop, tra Mira e Dolo già 200 mila euro raccolti

Ancora iniziative di raccolta fondi per gli sfollati del tornado. Sabato cassette di pesche in cambio di un'offerta, poi un bando apposito per le imprese

C'è tanta voglia che le cose tornino come prima, in Riviera del Brenta. Prima del tornado che l'8 luglio si è scatenato tra Dolo, Mira e Cazzago di Pianiga, devastando tutto ciò che ha trovato sul suo percorso e mettendo in ginocchio famiglie e imprese del territorio. È anche per questo che le tante iniziative di solidarietà attivate sia da enti pubblici che da privati stanno ottenendo grande successo, in attesa dell'arrivo dei fondi regionali e statali per la ricostruzione. Già 103mila euro sono stati raccolti nel conto corrente messo a disposizione dal Comune di Dolo (dato del 24 luglio), mentre sempre venerdì a Mira si festeggiava il superamento del tetto dei 100mila.

L’amministrazione dolese ringrazia sentitamente chi si è dimostrato così generoso, spiegando: "Appena Governo e Regione definiranno le modalità con le quali questi soldi, insieme a quelli dei contributi straordinari e delle somme ricavate dallo sblocco del Patto di stabilità, potranno essere destinati direttamente alle famiglie e alle imprese, il Comune di Dolo si attiverà nelle forme previste". Si tratta di fondi, come già detto, destinati ai privati che hanno subito danni e non al ripristino di eventuali opere pubbliche coinvolte. A tal proposito, dopo l'incontro giovedì tra il ministro Delrio e i sindaci dei Comuni colpiti, il primo cittadino di Mira Alvise Maniero ha lamentato scarsa attenzione per i fondi da destinare ai privati: "Sono state accelerate le procedure per la rifusione del danno pubblico, ma per i privati siamo a zero: e nel nostro caso sono quelli che hanno subito il 95% dei danni. Non basta l'allargamento del Patto di stabilità per i tre Comuni, che significa avere un parziale permesso di arrangiarsi a spese proprie con fondi che sono già dei Comuni (ridicolmente insufficienti, a causa degli stessi tagli da Roma)".

Un'altra iniziativa arriva dalla Camera di Commercio di Venezia e Rovigo, che ha pubblicato il bando per l’erogazione di 180 mila euro di contributi a fondo perduto destinati alla ricostruzione. Il bando si rivolge alle imprese iscritte e attive al registro delle imprese alla data dell’8 luglio 2015, con sede e/o unità operativa nei comuni di Mira, Dolo e Pianiga che abbiano presentato la segnalazione del danno alle autorità competenti e che non abbiano già beneficiato di altri aiuti pubblici a partire dal 9 luglio. "Un territorio come quello della Riviera, con un elevato valore storico, architettonico e produttivo non può essere lasciato solo in un momento così difficile - dichiara Giuseppe Fedalto, neo presidente della nuova Camera di Commercio. Il bando prevede l’erogazione di contributi a copertura delle seguenti spese: 1) relazione di perizia o asseverazione tecnica, eseguite da un tecnico abilitato; 2) rilascio della certificazione di agibilità; 3) presentazione delle previste pratiche edilizie necessarie al ripristino delle condizioni di sicurezza. Il contributo viene concesso nella misura del 50% delle spese sostenute fino ad un massimo di 3mila euro per impresa. Le domande di partecipazione potranno essere presentate dal 3 agosto al 30 ottobre. Per consultare il bando collegarsi a questo link.

Chi vuole aiutare gli sfollati, poi, può contribuire acquistando una cassetta di pesche: è l'idea di Horeca Brenta e Webtechnet, in collaborazione con l’associazione Istituto per le Famiglie e i diversi istituti municipali, che per sabato 25 luglio hanno organizzato un originale sistema di raccolta fondi. Dalle 9 sarà possibile fare una donazione libera in cambio di una cassetta di pesche fresche nettarine da 10 chili ciascuna, provenienti dall’Emilia Romagna. Tutto il ricavato andrà a favore degli sfollati e dei disastri provocati dal tornado. Per contribuire con altre donazioni liberali è possibile utilizzare anche il seguente conto corrente:

IBAN: IT52Y0840736080043000107194
Intestato a: Raccolta fondi Tornado Riviera del Brenta
presso Banco del Veneziano

Di seguito i punti dove saranno presenti i gazebo dove poter ritirare le cassette:

DOLO: di fronte al Municipio
SAMBRUSON: Piazzetta Mercato
ARINO DI DOLO: di fronte  al CASH&CARRY di Horeca Brenta
MOGLIANO VENETO: Piazza Caduti, di fronte al Municipio
CAZZAGO: presso Supermercato IPERLANDO
MIRA: presso Supermercato IPERLANDO
MIRANO: presso Supermercato IPERLANDO
MARGHERA: presso Marghera Estate Village (solo sabato e domenica sera)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento