Cronaca

Sorpreso a sgarrare sull'obbligo di dimora notturno, un 25enne portato in carcere

Misura aggravata a un giovane di Quarto d'Altino: controllo dei carabinieri, non era in casa

Un ragazzo di 25 anni residente a Quarto d'Altino si è visto sospendere l’affidamento in prova con obbligo di permanenza in casa in orario notturno, misura che gli era stata comminata il 25 settembre scorso dopo essere stato fermato per guida senza patente e denunciato per resistenza a pubblico ufficiale. I carabinieri della stazione di Meolo lo hanno accmpagnato in carcere, così come stabilito dal giudice, dopo aver scoperto che aveva trasgredito gli obblighi previsti dal provvedimento a suo carico.

Falso malore per giustificare l'assenza

Un paio di giorni fa, infatti, durante un controllo dei militari dell'Arma il 25enne è risultato assente da casa: per giustificarsi ha dichiarato di essersi recato al pronto soccorso in seguito a un malore, ma sono bastate alcune verifiche negli ospedali di San Donà e Mestre per accertare che non era così. A quel punto hanno chiesto e ottenuto al tribunale l’aggravio della misura precedentemente stabilita nei confronti del giovane, quindi ne è stato disposto l’accompagnamento in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpreso a sgarrare sull'obbligo di dimora notturno, un 25enne portato in carcere

VeneziaToday è in caricamento