Cronaca

Sgomberati insediamenti abusivi all'ex cantina sociale

Sono state anche abbattute le tettoie della struttura a San Donà di Piave

L'area dopo l'abbattimento

Sono state abbattute mercoledì mattina le tettoie ai confini con gli immobili dell'ex cantina sociale di San Donà di Piave diventati, ormai, un rifugio per sbandati. Gli operai comunali hanno provveduto a completare il lavoro, con una cornice di sicurezza fornita dalla polizia locale.

Sotto le tettoie si erano insediati tre cittadini nigeriani, noti alle forze dell’ordine e già denunciati nel corso del blitz di ferragosto, quando con un provvedimento lampo il sindaco Andrea Cereser decise l’abbattimento dei due grandi fabbricati dell’ex azienda “Azir” in Via Ereditari occupati abusivamente. «Ringrazio per la segnalazione la rete del Controllo del Vicinato, che prontamente ha portato la polizia locale ad intervenire - commenta l'assessore Walter Codognotto -. Rimane sempre alta l’attenzione nei confronti degli sbandati che tentano, senza successo, di creare bivacchi in aree isolate della città».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgomberati insediamenti abusivi all'ex cantina sociale

VeneziaToday è in caricamento