Cronaca via Degano

Si disfa dei rifiuti in un'area vietata, "occhio di falco" incastra una ditta

Una maxi multa per il titolare dell'azienda di Portogruaro sorpreso dalla telecamera mobile della Municipale di San Michele al Tagliamento

Polizia municipale (archivio)

Era stata annunciata tolleranza zero per i “furbetti” che scaricano rifiuti nelle vie meno in vista di San Michele al Tagliamento. Grazie all’occhio di “Falco”, la telecamera mobile acquistata di recente e posizionata in via Degano a Bibione, una ditta di Portogruaro è stata colta in flagrante a scaricare imballaggi. Per il titolare dell'azienda le conseguenze sono pesanti: oltre a farsi carico della pulizia dell’area, verrà segnalato all’autorità giudiziaria trattandosi di abbandono di rifiuto da parte di attività professionale con una ammenda che potrà andare da 2.600 a 26mila euro.

“La nostra azione – evidenzia il dirigente del comando di polizia locale, Andrea Gallo – è mirata a tutte le situazioni di abusivismo e illegalità. Oltre alla quotidiana lotta all’abusivismo commerciale in spiaggia e in isola pedonale non sottovalutiamo le altre problematiche come l’abusivismo ambientale che va combattuto anche con le nuove tecnologie”.

“Queste azioni mirate da parte della polizia locale - evidenzia l’assessore all’Ambiente, Luca Marchesan – sono molto incisive e determinanti per garantire il massimo rispetto dell’ambiente su cui da sempre puntiamo a Bibione e in tutto il territorio comunale, anche con l’ausilio degli ispettori ambientali dell’Asvo”. E per il prossimo futuro questi strumenti verranno incrementati per monitorare anche l'entroterra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si disfa dei rifiuti in un'area vietata, "occhio di falco" incastra una ditta

VeneziaToday è in caricamento