menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si toglie la vita a pochi mesi dalla pensione. Non lo pagavano

Un imprenditore di Concordi Saggitaria si è suicidato. Il lavoro non gli mancava ma sempre più clienti non lo pagavano per le mansioni effettuate

Mancavano 10 mesi alla pensione, ma i crediti verso i clienti si facevano sempre maggiori e lui non ha più resistito. Come riporta La Nuova Venezia infatti, I.V. di Concordia Saggittaria si è tolto la vita nonostante il lavoro ce l'avesse. La goccia che ha fatto traboccare il vaso ed ha portato l'imprenditore a compiere il tragico gesto sarebbe stato un ulteriore lavoro non pagato, unito alle tasse sempre più pressanti. Il funerale del 57enne è fissato per lunedì alle 14.30 nella concattedrale di Concordia Sagittaria.

La storia di I.V. purtroppo non è l'unica, e solo pochi giorni fa una vicenda analoga accadde a Mestre. M.B. lunedì scorso si è suicidato nella sua azienda di autoricambi, vinto anche lui dalla crisi. Al suo funerale, svoltosi a Dese, Funerali Maurizio Bernardi 6 febbraio 2015 „Don Enrico Torta, il parroco, ha dichiarato senza mezzi termini che "a uccidere è stato il demone denaro". Durante la cerimonia inoltre è stato letto anche un messaggio del patriarca Francesco Moraglia, secondo cui "la disperazione non può essere l’ultima parola nella vita di un uomo e di una donna, a tutto c’è rimedio".“

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento