menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Siccità in provincia, Veritas avverte: poca acqua potabile, rischio limitazioni per l'estate

Scarse piogge nell'inverno da poco concluso, falde e fiumi sono a secco. Il direttore scrive ai sindaci che potrebbero essere necessarie ordinanze per limitare l'uso delle risorse idriche

L'inverno è stato avaro di precipitazioni e presto potremmo subire le conseguenze amare di questa siccità straordinaria. È l'avvertimento del direttore generale di Veritas, Andrea Razzini, anche se le sue parole suonano più come un allarme: le ha messe nero su bianco in una lettera inviata ai sindaci di 25 Comuni serviti dall'azienda (20 della provincia più 5 del Trevigiano), alla Regione e alle Ulss. Nel documento, come riporta Il Gazzettino, si avverte che potrebbero essere necessari estremi rimedi per la carenza di risorse idriche.

In sostanza - scrive Veritas - il perdurante stato di siccità sta riducendo la disponibilità di acqua di falda e di fiume per il servizio idrico potabile. I dati sono particolarmente preoccupanti se si considera che stiamo andando verso la stagione estiva, quando il consumo di famiglie e aziende sarà massimo. L'azienda annuncia quindi che, a meno di abbondanti precipitazioni nelle settimane a venire, i sindaci potrebbero essere costretti a emanare "ordinanze di limitazione degli usi dell'acqua potabile".

Situazione anche peggiore nell'ambito dell'agricoltura: il presidente di Confagricoltura Venezia, Giulio Rocca, conferma che le piogge degli ultimi giorni non sono certo sufficienti per compensare la pesante siccità della stagione fredda. Alcuni fiumi, essendosi svuotati dell'acqua dolce, possono subire il rientro dell'acqua salata del mare fino in pianura, con evidenti danni per le colture: un problema che si registra in particolare nell'area di Chioggia con conseguenze disastrose per il trapianto e lo sviluppo del radicchio, e non solo. Il livello dell'Adige è particolarmente basso, e il rischio è che nelle prossime settimane gli agricoltori non abbiano acqua per irrigare le colture appena trapiantate. Insomma, per tutti la speranza è che le piogge scendano abbondanti in questa seconda metà di primavera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento