menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Metal detector fuori dall'aeroporto? "Non servono i comportamenti da guerra" VD

Marchi, presidente di Save, società di gestione del Marco Polo: "Contemperare le esigenze di sicurezza con la mobilità". A ottobre pronto il people mover, nel 2017 terminal ampliato

Terzo aeroporto italiano, milioni di passeggeri, ma anche merci, dipendenti, indotto. L'aeroporto Marco Polo dopo gli attentati di Bruxelles (e prima quelli di Parigi) ha stretto le maglie della sicurezza. Anche se oramai, essendo un obiettivo sensibile, i livelli sono costantemente elevati. Ma ciò che è accaduto il 22 marzo nella capitale belga, però, ha introdotto un dibattito che subito ha spaccato gli addetti ai lavori: per evitare l'ingresso di kamikaze con l'esplosivo nei bagagli, è opportuno installare dei metal detector all'esterno degli aeroporti? Il presidente Enrico Marchi si dimostra scettico: "Il trasporto aereo è e rimane il modo di muoversi più sicuro - dichiara - ma la sicurezza non mai qualcosa che si può raggiungere al 100%. E' chiaro che bisogna contemperare le esigenze in questo settore con quelle dellla mobilità delle persone. Credo che non ci si debba far prendere da comportamenti da periodo di guerra". 

Insomma, nessuna blindatura prima del check-in, secondo Marchi, anche se "possiamo contare su una forte collaborazione con le forze dell'ordine. L'aeroporto - sottolinea il presidente di Save - è una realtà molto complessa dove convive una grande pluralità di soggetti, sia pubblici che privati. Riuscire a coordinare tutto in un'orchestra che non ha stonature, questo è il grande successo del Marco Polo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scalo lagunare, intanto, continua ad allargarsi. Forte di un piano di investimenti pluriennale già approvato. Numerosi i cantieri in essere, tra transenne e operai al lavoro: "Altre modalità di trasporto siamo rimasti indietro, senza caratterizzarsi per lungimiranza - commenta Marchi - Nel trasporto aereo noi siamo decisi ad accompagnare lo svilupppo dei passeggeri con quello delle infrastrutture. E' un tema su cui siamo molto concentrati. A ottobre o novembre inaugureremo il people-mover, l'anno prossimo invece sarà concluso l'ampliamento del terminal. Si tratta di un programma di investimenti ambizioso che prevede l'esborso tra gli 80 e i 100 milioni di euro all'anno nei prossimi quattro anni. Siamo il più grande investitore a Venezia - conclude - e tra i migliori a livello nazionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento