Cronaca San Marco / Piazza San Marco

Sarà il Redentore della sicurezza: rive a numero chiuso, varchi, cacciatori di bottiglie

La prossima edizione della "Notte famosissima" conterà tra le 50mila e 60mila presenze. Pannelli con indicazioni per il deflusso, unità antiterrorismo e controlli anche via acqua

Sarà una grande macchina che dovrà gestire uno dei luoghi logisticamente più complessi del mondo. Dalle rive e dall'acqua, saranno decine di migliaia le persone che, come ogni anno, si riverseranno a Venezia per assistere alla festa del Redentore. Questa edizione sarà contraddistinta da una sorta di "numero chiuso": le zone a più alta frequentazione, come riportano i quotidiani locali, una volta sature di gente saranno dichiarate off limits. Nel mirino soprattutto l'area marciana, la Giudecca e le Zattere.

Per intervenire in caso di emergenze ci saranno due vaporetti "sanitari". Mentre un altoparlante trasmetterà messaggi e indicazioni in caso di necessità sul Molo. Ci saranno i "cacciatori di bottiglie" per evitare che qualcuno si ferisca con i cocci a terra (si tratta di uno dei problemi principali che si ripresenta a ogni edizione) e le transenne delimiteranno le varie zone. Per permettere corridoi e spazio di manovra a forze dell'ordine e personale delle forze dell'ordine. Ci saranno pannelli con scritte "exit" ad aiutare i cittadini a muoversi in maniera ordinata e 60 steward di Vela che vigileranno su ingorghi e assembramenti.

Come anche in occasione di altri grandi eventi, in piazza San Marco si potrà accedere solo attraverso varchi obbligati con strette maglie dei controlli. Ci saranno 50 o 60mila persone ad assistere ai "foghi", mentre anche in Bacino per le imbarcazioni saranno istituiti corridoi o zone di sicurezza. Dalle 19 circa, poi, i vaporetti che transitano in zona si fermeranno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sarà il Redentore della sicurezza: rive a numero chiuso, varchi, cacciatori di bottiglie

VeneziaToday è in caricamento