rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Tram, non solo guasti. UGL: "Linea 7 limitata disagio per i passeggeri"

I sindacati hanno scritto ai vertici dell'azienda per cercare una soluzione per i problemi al trasporto pubblico. Sul banco, la cattiva gestione della linea 7.

L’avvento del tram a Venezia ha portato con sé un gran numero di cambiamenti per il trasporto pubblico, con conseguenze dirette ed indirette, positive e negative per la viabilità. Una delle linee che più ha risentito di questa trasformazione è la Mirano-Venezia, da sempre nevralgica per chiunque debba spostarsi quotidianamente dalla periferia del Miranese a Piazzale Roma.

L'UGL Autoferrotranvieri ha sottolineato ai vertici di ACTV i disagi negli spostamenti, cercando di proporre delle soluzioni. "La prima criticità - ha spiegato Emanuele Cantini, della segreteria del sindacato - deriva dalla scelta di limitare la linea 7URBANA Spinea-Venezia a “Mestre Centro” il sabato, domenica e festivi. La decisione dei tecnici, dettata dall’idea che da Mestre Centro gli utenti avrebbero utilizzato il tram per raggiungere il centro lagunare, si è rivelata miope a causa dell’evidente e prevedibile aumento dei tempi di viaggio. Le conseguenze? Da una parte - ha continuato Cantini - l’utilizzo di fermate intermedie senza raggiungere il capolinea d’interscambio “Cialdini” così da poter prendere una coincidenza più rapida, aggravando e rendendo assolutamente invivibili altre linee urbane come la 2. Dall’altra l’assalto dei viaggiatori alla linea Mirano-Venezia tanto da rendere difficile o addirittura impossibile l’accesso ai mezzi dove talvolta non si riesce ad effettuare la fermata perché eccessivamente carichi. In secondo luogo - ha specificato - l’aver lasciato invariato il percorso della linea 7 dal lunedì al venerdì solo su due fasce orarie “di maggior carico” risulta, a detta degli autisti ACTV che ogni giorno ascoltano le molte lamentele dei passeggeri, una soluzione assolutamente inadeguata. Basta vedere le partenze da Venezia con il bus diretto a Mirano stracolmo per cogliere l’incubo quotidiano che lavoratori e studenti devono subire".

Il sindacato si è fatto portatore di alcune idee, che potrebbero rendere più sopportabile il viaggio a molti passeggeri. "Seppur inevase, - ha spiegato ancora il segretario - sul tavolo dell’azienda giacciono proposte per alleviare le sofferenze di chi l’autobus lo usa perché costretto e paga un abbonamento per un servizio non all’altezza. La più ovvia è aumentare le fasce d’impiego e ripristinare la linea anche il sabato, domenica e festivi. In alternativa è auspicabile modificare il percorso del 7URBANO deviandolo in prossimità del quadrivio di via Piave così da rinforzare il 2 nella tratta “via Piave-Mestre stazione FS-Venezia” o facendolo proseguire fino a “Mestre Centro” per arrivare in Corso del Popolo e sostituire o alternarsi al 4L e giungere a Venezia durante tutto il giorno. È importante - ha chiosato Cantini - rivedere e apportare i giusti correttivi. Una linea 7 gestita così rappresenta solo uno spreco di risorse pubbliche senza rispondere alle lecite esigenze della collettività".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tram, non solo guasti. UGL: "Linea 7 limitata disagio per i passeggeri"

VeneziaToday è in caricamento