menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sindacati sul piede di guerra a difesa del lavoro stagionale

Per tutta la stagione i sindacati Filcams e Cgil saranno presenti tutte le settimane in tutte le sedi del litorale, da Chioggia a San Michele al Tagliamento.

Due decreti attuativi del Jobs Act stanno mettendo in allerta i sindacati. Filcams e Cgil Metropolitana di Venezia saranno infatti presenti tutte le settimane in tutte le sedi del litorale, da Chioggia a San Michele al Tagliamento per seguire le posizioni di lavoro.

La campagna messa in atto si chiama “TURISMO: non vi lasciamo soli”, ed è dedicata ai problemi dei lavoratori stagionali. Secondo i sindacati infatti, i decreti sul Contratto a tutele crescenti e NASpI penalizzerebbero in maniera drastica tutti i lavoratori stagionali del litorale della provincia di Venezia.

I lavoratori stagionali del turismo che godevano dell'ASpI o della precedente disoccupazione ordinaria infatti non avranno più completa copertura economica dei periodi non lavorati nell'anno. Un contratto stagionale di 6 mesi ogni anno permetteva il riconoscimento dell'ASpI che quindi copriva i successivi 6 mesi fino alla stagione estiva successiva. Per i dipendenti stagionali che godevano dell'ASpI e naturalmente premesso che non trovino altri lavori durante il periodo invernale, per avere una copertura economica per tutto l'anno, sarebbe necessario avere un contratto a tempo determinato di 8 mesi per poi ottenere 4 mesi di ammortizzatore.

Nella stagione estiva, e qui l'attenzione sui lavoratori stagionali, le possibilità di avere rapporti di lavoro stagionali di 8 mesi sono praticamente inesistenti. I sindacati quindi credono "iniqua ed ingiusta questa norma, ampia dimostrazione di come la politica non tenga in considerazione il turismo come motore economico e occupazionale nel Paese. Solo nella provincia di Venezia gli stagionali sono decine di migliaia di lavoratrici e lavoratori - continua la CGIL -. Si tratta di un sistema fragilissimo con maestranze che non hanno mai avuto l'articolo 18, le tutele minime, ma precari per definizione, costretti a ritmi lavorativi estivi spaventosi, norme non rispettate, e a volte anche lavoro sommerso diffuso. Lavoratrici e lavoratori che non possono quasi mai far valere i loro diritti, altrimenti non verrebbero più richiamati la stagione successiva".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento