menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione della sala matrimoni

La presentazione della sala matrimoni

Prima apertura ai matrimoni gay, ma solo se la legge lo prevede

Sabato, dopo la presentazione della sala matrimoni a Mestre, il sindaco di Venezia ha affermato di agire nei termini legislativi. Mano tesa al mondo LGBT

Nozze gay se la legge lo prevede. Questo, come riportano i quotidiani locali, è il pensiero del sindaco Luigi Brugnaro, espresso sabato mattina al margine della presentazione della nuova sala matrimoni di Mestre e della celebrazione del primo matrimonio. Il primo cittadino di Venezia, a quanto pare, non ne fa una questione ideologica, ma esclusivamente legislativa: ha infatti affermato di applicare quelle che sono le leggi dello Stato, sottolineneando come allo stato attuale non si debbano celebrare con il matrimonio le unioni civili.

Se cambiasse la legge insomma - come ha confermato il primo cittadino ad una ragazza lesbica che gli avrebbe chiesto di sposare anche lei e la propria compagna - Brugnaro si infilerebbe la fascia tricolore, procedendo con la celebrazione delle nozze

A margine della cerimonia il sindaco ha colto anche l'occasione per difendersi dalle polemiche delle ultime settimane. Ha sostenuto che è in atto una strumentalizzazione delle sue dichiarazioni, che non rispecchiano il senso del suo pensiero. Non ci sarebbe, a suo dire, una chiusura al mondo LGBT quando dice di opporsi ad un gay pride a Venezia, bensì una questione di buon gusto, in quanto tale manifestazione sarebbe "volgarità che non corrisponde all'essere omosessuali". Definisce "carnevalate" questo tipo di iniziative, poiché non rappresentano la realtà dei fatti, ma semplicemente una maschera, sostenendo la possibilità di sedersi ad un tavolo per discutere dell'argomento con "il mondo gay che ha rispetto dei ruoli".

La posizione è ferma, ma sembrano esserci degli spiragli. Il mondo omosessuale, tuttavia, non ha digerito le affermazioni di Brugnaro dei giorni precedenti sul Gay Pride: ecco perché ha annunciato una mobilitazione per il 5 settembre, che vedrà coinvolte moltissime associazioni, in campo Santa Margherita a Venezia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento