rotate-mobile
Cronaca Chioggia

Troppo sangue in Romea, il sindaco di Chioggia: "Chiediamo autovelox"

All'indomani del tragico incidente che a Vigonovo ha ucciso due giovanissimi clodiensi, Alex Chiereghin e Gloria Baldo, il primo cittadino chiede interventi per la sicurezza stradale

Un ennesimo tributo di sangue. Ancora una volta di giovanissimi. La strada statale Romea domenica pomeriggio è stata teatro di un tremendo incidente in cui hanno perso la vita Alex Chiereghin, appena diciottenne, e Gloria Baldo, amica che a novembre avrebbe raggiunto la maggiore età. Entrambe le vittime erano di Chioggia, dove studiavano.

Ed è proprio il sindaco di Chioggia Giuseppe Casson a puntare il dito contro la pericolosità della strada: "Il tributo di sangue che Chioggia sta dando è inaccettabile - commenta - Noi siamo convinti che ci debba essere un'attenzione maggiore da parte delle istituzioni sulla questione sicurezza stradale. Su questo versante ci stiamo impegnando perché si possano attivare dei sistemi di controllo della velocità che in qualche modo possano inibire corse spericolate da parte anche di giovani che rischiano la vita. Speriamo non succeda più".


La soluzione, secondo il primo cittadino clodiense, è una sola: indurre gli automobilisti a correre più piano. "Chioggia è collegata con Venezia, con Padova e con il sud della provincia dalla Romea - spiega - Quest'ultima è una delle strade più pericolose d'Italia. Abbiamo fatto istanza in più occasioni affinché possano essere installati degli autovelox che consentano di controllare la velocità dei veicolo. Confidiamo - conclude Casson - che a breve possa esserci una risposta positiva da parte della prefettura".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppo sangue in Romea, il sindaco di Chioggia: "Chiediamo autovelox"

VeneziaToday è in caricamento