menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vetro di Murano, Brugnaro: "Lavoriamo per il rilancio del settore e puntiamo sulla Dop”

Il primo cittadino di Venezia invita gli attori del distretto a Ca'Farsetti, venerdì mattina. Coinvolte anche Promovetro e Filctem Cgil. In gioco l'area di crisi complessa

Vetro di Murano da rilanciare, proteggere e valorizzare. Produzione artistica, fornaci, lavoro e contraffazione sempre più al centro degli interessi delle parti coinvolte nel distretto. Specie dopo l'approvazione del decreto, da parte del ministero dello Sviluppo Economico, per il riconoscimento come area di crisi industriale complessa. Venerdì a Ca' Farsetti il sindaco Brugnaro ha riunito attorno al tavolo vari attori, inclusi Filctem Cgil e Promovetro.

“Lavoriamo insieme per il rilancio del settore e puntiamo sulla Dop - è lo slogan del primo cittadino - se si salva Murano, si salva anche Venezia”. L'obiettivo è quello di formulare una proposta, il più possibile condivisa, per il rilancio del settore, da presentare anche in Europa.

“Il Governo ha dimostrato un'attenzione evidente per le problematiche di Venezia. Il riconoscimento, avvenuto ieri, dell'intero territorio comunale, non più solo Porto Marghera, quale area di crisi industriale complessa, dev'essere visto come un'opportunità per Murano. Ora si tratta di mettere da parte le conflittualità e di agire uniti, pur nel rispetto della competizione d'impresa, per battere la concorrenza estera e tornare ad essere competitivi sui mercati internazionali. Solo così, infatti, si può allargare lo sviluppo dell'industria del vetro e garantire il lavoro alle giovani generazioni - dice Brugnaro - specificando che non esistono soluzioni immediate, perché la crisi è in corso da decenni, ma che il Comune può farsi carico di identificare i problemi, attraverso il confronto diretto con chi nel settore del vetro ci lavora per cercare soluzioni percorribili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si sono dunque succeduti diversi interventi da parte di maestri del vetro, proprietari di aziende piccole e grandi, con sede a Murano e a Venezia, e rappresentanti di varie associazioni di categoria. Pur presentando posizioni a volte discordanti, gli attori del settore hanno condiviso che la concorrenza globale è spietata e che Murano, in un mondo che va di fretta, rischia di scomparire. Molti degli intervenuti hanno voluto fare autocritica, denunciando l'incapacità di fare squadra e di reagire alle difficoltà e hanno apprezzato che il Comune, per la prima volta, li abbia convocati tutti, per cercare di creare singergie. Tra le questioni affrontate, quella del “Marchio Vetro Artistico® Murano” che viene visto come eccessivamente oneroso dalle piccole imprese e non utile a livello di marketing dalle grandi case, e il problema della vendita della cosiddetta “paccottiglia”, oltre all'insostenibilità degli affitti dei negozi.

Il primo cittadino, assieme all'assessore alle Attività Produttive, Francesca Da Villa, l'assessore all'Ambiente, Massimliano De Martin, il consigliere delegato alle tradizioni, Giovanni Giusto e il presidente della nona commissione, Paolo Pellegrini, al termine degli interventi ha riportato l'attenzione sulle prossime azioni da intraprendere: “Esistono due modi per agire sulla tutela dell'originalità del prodotto. In passato si è percorsa la strada del marchio regionale, oggi invece, sulla scia di quanto proposto dallo stesso ministro allo Sviluppo economico, Carlo Calenda, l'accento va posto sulla peculiarità del territorio, quindi sulla produzione di Murano, fatta a Murano. Lo strumento più adatto per la salvaguardia e il rilancio è il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta. Stiamo studiando tutti gli aspetti legali per poter percorrere questa strada. Abbiamo un anno di tempo davanti, possiamo giocarci bene la partita. Non si tratterebbe infatti solo di tutelare la produzione del vetro, ma l'intera filiera, cosa che porterebbe un vantaggio a tutti”.

Prosegue il sindaco: “Stiamo verificando quali siano i veri poteri di cui disponiamo per poter affrontare anche il problema dei negozi di paccottiglia, pur specificando che il Comune non può entrare nella logica dell'impresa e dunque impedire il commercio di alcuni prodotti rispetto ad altri. E' fondamentale l'importanza dell'educazione delle giovani generazioni, affinché portino avanti l'arte dei maestri vetrai, ma siano anche consapevoli che, oltre all'ideazione e alla creazione del prodotto, è imprescindibile comprendere anche come funziona l'industrializzazione del prodotto."

Il primo cittadino ha infine sostenuto apertamento l'idea di un'esposizione del vetro contemporaneo, lanciando un appello alle aziende muranesi affinché donino una delle loro opere più bella alla Fondazione Musei Civici, perché il Museo del Vetro sia sempre di più una vetrina internazionale di livello per l'intera filiera.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento