menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Forza Nuova contro il patriarca, slogan shock. Brugnaro: "Attacchi beceri, verrete puniti"

Gli attivisti del movimento di estrema destra hanno srotolato degli striscioni in area marciana puntando il dito contro l'ospitalità offerta a Mira ai migranti: "Messaggi vili". Cgil: "Disumani"

Non si sono fatte attendere le reazioni dopo il blitz di Forza Nuova i cui militanti, nella notte tra domenica e lunedì, hanno affisso nell'area marciana degli striscioni provocatori nei confronti del patriarca Francesco Moraglia, contestando l'accoglienza offerta nei patronati di Mira ai migranti in marcia dopo essersi allontanati dall'ex base di Conetta. "Riteniamo che gli appelli al 'dovere' dell'accoglienza a tutti i costi, che, da tempo e quotidianamente, provengono dalla Chiesa guidata da Papa Bergoglio e dai responsabili delle diocesi, per ultimo anche Moraglia - viene detto in una nota - vada contro gli interessi degli italiani; questo gesto propagandistico - perché solo di questo si tratta - è funzionale a quella 'vulgata' e di fatto legittima, creando 'terreno fertile' e 'brodo di coltura' a chi dell'immigrazione selvaggia fa un cinico business sulle spalle dei cittadini e della loro sicurezza".

Sindaco Brugnaro

Parole che hanno indotto il sindaco Luigi Brugnaro a diramare un comunicato ufficiale in cui esprimere "solidarietà e vicinanza a nome mio e di tutta la città di Venezia al patriarca per l'ignobile attacco di cui è stato vittima. Un vile messaggio che non solo lui e il suo operato, ma anche tutta Venezia e i suoi cittadini che, in questi giorni, vivono con preoccupazione i risvolti della delicata questione dei migranti di Cona. Una problematica che, anche grazie all'intervento di Moraglia, ha trovato una soluzione evitando alla città di restare vittima di inevitabili scontri tra migranti e forze dell'ordine. Auspico - conclude - che gli autori materiali di un così becero attacco vengano quanto prima identificati e puniti".

Cgil Veneto

Sulla stessa lunghezza d'onda la Cgil del Veneto: "L’ottusa mancanza di umanità – ha dichiairato il sindacato - ancor prima delle opinioni politiche di Forza Nuova si commenta da sé. La pretesa di lasciare in stato di abbandono profughi, donne e bambini arrivati dopo mille peripezie, 'perché ci sono italiani che soffrono' è indice di un imbarbarimento culturale che fa prevalere l’odio, il razzismo e la discriminazione fine a se stessa sulle ragioni del vivere civile e del sostegno a chiunque si trovi in difficoltà, a prescindere dal colore della pelle o dai documenti che ha in tasca". 

Forza Nuova contro la Chiesa

Il dito dei forzanovisti è stato puntato non solo contro monsignor Moraglia, ma anche contro tutta la Chiesa: "Attraverso i centri di accoglienza della Caritas e delle parrocchie partecipa attivamente al 'sistema economico' che vive di immigrazione, per lo più clandestina - si sottolinea - questa 'accoglienza' non è gratis, ma è foraggiata per la quasi totalità dallo Stato e quindi dai cittadini italiani. Per il coordinatore regionale del movimento Andrea Visentin, "non ultimo, questi gesti plateali e propagandistici a favore dei cosiddetti 'migranti', rischiano di innescare quella 'guerra tra poveri', a cui siamo contrari e che vogliamo impedire". "Ci chiediamo Eccellenza - continua rivolto a Moraglia - se, dalle stanze dorate del suo palazzo, veda gli italiani, sempre più schiacciati dalla crisi e non tutelati nei loro più elementari diritti sociali dalle istituzioni preposte, dormire al freddo in una macchina, risparmiare sulle spese sanitarie, non arrivare alla prima settimana; apra le porte degli immobili diocesani anche a loro, ci dimostri con gesti concreti verso i suoi connazionali in difficoltà che ci stiamo sbagliando; in quel caso non sarà un problema cambiare il nostro convincimento".

Il prefetto di Treviso 

Il patriarca nelle ore successive ha incassato invece anche il plauso del prefetto di Treviso, Laura Lega: "Quella di Mira è stata un'azione importante di solidarietà e un gesto significativo che segnerà anche un cambio di passo generale nelle modalità di accoglienza - ha detto Lega - Dunque ben venga che questo si aggiunga ad un intervento che richiede il concorso di tutte le istituzioni". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ulss 3, la metà degli over 50 ha già aderito alla vaccinazione

  • Meteo

    Piogge in arrivo nel Veneziano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento