menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Libri al posto delle slot machine, un bar di Noale dice "no" al gioco d'azzardo

L'iniziativa è di Giuseppe Gobbato, titolare del bar "La Bova". Un precedente nel 2015 nella città dei Tempesta, con il bar "Al Castello" ad eliminare le "macchinette"

Un altro esercizio pubblico rinuncia alle macchinette per far posto ad una libreria. Accade a Noale, in via La Bova, dove da oggi Giuseppe Gobbato, titolare del bar “La Bova”, ha preso la decisione di non ospitare più le slot per non essere più costretto a vedere i clienti buttare via i propri risparmi. Il posto vuoto lasciato dalle slot verrà presto riempito da una libreria, segno anche questo di una attenzione verso una clientela più attenta e responsabile. Le slot non avevano portato problemi solo coi clienti: recentemente il bar aveva subito anche una spaccata notturna, sicuramente motivata anche dal furto dell'incasso giornaliero delle slot. 

Il bar “La Bova” è il secondo esercizio di Noale a dire, in controtendenza, "no" alle slot. Un paio di anni fa avevano fatto altrettanto gli esercenti del bar “Al Castello”. Poi, nel dicembre 2015, l'Amministrazione aveva diramato un'ordinanza che stabiliva, in maniera uguale per tutto il miranese, gli orari di accensione degli apparecchi e le distanze minime delle slot dai punti sensibili della città dei Tempesta. 

"Credo che le iniziative prese dal bar Al Castello, prima, e dal bar La Bova, oggi, meritino un applauso dalla cittadinanza - dichiara l'assessore ai Servizi alla persona, Gianni Zen - Attualmente sono 7 le persone in cura del nostro Comune per il problema del gioco d'azzardo patologico, che è una dipendenza devastante per la vita sociale di chi ne è affetto, e un costo enorme per tutta la collettività. Rinunciare a proporre questo tipo di intrattenimento è un atto coraggioso, perché significa rinunciare ad entrate certe mensili. Ma significa anche avvicinare un altro tipo di frequentazione, molto più in linea con la bellezza e la cultura che sprigiona il nostro centro storico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento