Cronaca Marghera / Via Parco Ferroviario

Smaltiscono il serbatoio di GPL nel campo, rischia di esplodere tutto

L'allarme è stato lamciato dai vigili del fuoco, intervenuti in via del Parco Ferroviario a Catene. Denunciati dalla polizia due veneziani incensurati

Hanno abbandonato la bombola di gas in via del Parco Ferroviario, tra Catene e Chirignago. Peccato, però, che la stessa aveva iniziato a sfiatare liberando il GPL. Una scintilla, quindi, avrebbe potuto causare una violenta esplosione proprio sotto al cavalcaferrovia. Sul posto all'inizio sono intervenuti i vigili del fuoco perché erano stati segnalati dei pneumatici in fiamme. I pompieri, però, hanno subito capito che in realtà il problema era un altro. Un serbatoio, del tipo installato sulle auto ad alimentazione mista, lasciato in una strada secondaria, aveva creato un “cuscino” spesso circa un metro da terra e ben visibile, il quale aveva anche creato un particolare effetto di “congelamento” delle piante vicine.

Nello stesso tempo una pattuglia delle volanti fermava due uomini in zona. All'inizio agli agenti hanno spiegato di non avere nulla a che fare con la vicenda e che erano stati loro malgrado testimoni di tutto. Nemmeno un’ora più tardi, però, uno dei due individui tornava sul posto e ammetteva le proprie responsabilità e quella dell’amico. La bombola, infatti, era stata appena sostituita da un’auto di un parente ma, per risparmiare sulle spese di smaltimento, era stato abbandonato in mezzo ai campi. I due, veneziani e incensurati, rispettivamente di 43 e 39 anni, sono stati denunciati per getto pericoloso di cose.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smaltiscono il serbatoio di GPL nel campo, rischia di esplodere tutto

VeneziaToday è in caricamento