Furti di pullman turistici, smantellata la banda: in manette l'ultimo componente

Arrestato il quarto ladro, destinatario di mandato d'arresto europeo. In due anni la banda aveva rubato 7 autobus gran turismo, quattro dei quali recuperati. Valore 200mila euro l'uno

Con la cattura del quarto ladro, ora la banda che negli ultimi anni si è dedicata al furto e riciclaggio di pullman gran turismo tra Noventa e Jesolo si può dire definitivamente smantellata. L'ultimo arresto risaliva a fine novembre, mentre gli altri due membri del clan erano stati presi ad aprile dalla polizia giudiziaria della Polstrada. Ora l'ultimo tassello per completare il quadro.

Le indagini

I delinquenti, a partire dal 2017, avevano messo a segno il furto di 7 autobus, di cui 4 poi recuperati dalle forze dell'ordine: cinque erano stati rubati tra Jesolo e Noventa, mentre due in Slovenia, poi recuperati nella città sul Piave. Erano stati controlli incrociati a permettere di individuare il primo ladro, trovato in possesso di chiavi di mezzi di valore e subito associato ai furti di pullman denunciati nell'area del Veneto orientale. Dopo l'arresto, sono proseguite le indagini che hanno permesso di individuare e mettere le manette ai polsi a tutti i complici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'operazione

A essere presi di mira erano autobus che trasportavano comitive di turisti, che raggiungevano gli hotel (non solo nel Veneziano, ma anche in Slovenia) e lì venivano parcheggiati: i ladri entravano in azione nella notte, li portavano via e li nascondevano provvisoriamente in luoghi sicuri, per poi portarli oltreconfine. In un caso due autobus, rubati in Slovenia ad una ditta del luogo, erano stati trovati in un parcheggio a Noventa di Piave. In un'altra occasione è stato appurato che dai pullman erano state rimosse le serigrafie originali per sostituirle con nuovi adesivi. Oltre ai mezzi trafugati sono state sequestrate anche due auto, che venivano utilizzare per fare la staffetta e scortare i bus rubati, oltre a diverse carte di circolazione, targhe false e attrezzatura illecita per l’apertura e messa in moto degli autobus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento