Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

Il sistema è attivo giovedì 15 ottobre dalle 8.30. La marea è di 130 alle 10 e tre quarti ma a punta della Salute l'acqua si ferma intorno ai 50-60 centimetri

Il Mose in funzione (Ansa)

Giovedì mattina verso le 8.30 il Mose è di nuovo attivo, per la seconda volta in condizioni di necessità "reale", per proteggere Venezia dall'acqua alta. Il provveditorato alle opere pubbliche ha stabilito di procedere con il test di funzionamento del sistema, dopo quello svolto il 3 ottobre scorso: le paratoie alle bocche di porto sono state sollevate e, dividendo il mare dalla laguna, hanno impedito alla marea di salire nelle acque interne. Il livello massimo "esterno" è stato di 130 centimetri alle 10.45, mentre in città, con le barriere alzate, la marea è rimasta stabile tra i 50 e i 60 centimetri.

Venezia "all'asciutto"

«La città è all’asciutto - ha detto il sindaco Luigi Brugnaro -. Tutte le paratoie sono in funzione. Riapertura dei canali verso le 15.30». Fino a conclusione delle operazioni è in vigore una ordinanza della Capitaneria che vieta la navigazione alle tre bocche di porto. La perturbazione persiste e venerdì sarà possibile una nuova massima di 130 centimetri, secondo il centro maree, verso le 11 del mattino.

bollettino_grafico-12-42

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Acqua alta e maltempo a Chioggia

A Chioggia, a causa del forte vento di Bora, il livello dell'acqua è più alto: il baby Mose è entrato in funzione ma si sono verificati alcuni allagamenti. La marea sostenuta coincide con una giornata di maltempo e precipitazioni diffuse in tutto il Veneto, accompagnate da forti raffiche di vento soprattutto in pianura e sulla costa. Le previsioni meteo dell'Arpav avevano annunciato venti da tesi a forti, in prevalenza da est, nord-est. Nelle zone di Chioggia e Sottomarina, in particolare, sono stati una trentina gli interventi dei vigili del fuoco per il maltempo e i danni causati dalle forti raffiche di Bora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento