Spaccia eroina alla fermata del tram: arrestato

In manette un 27enne di nazionalità nigeriana. Aveva appena ceduto delle dosi a due clienti

Nel tardo pomeriggio di ieri la polizia locale di Venezia ha arrestato un cittadino nigeriano, B.J. di 27 anni, sorpreso a spacciare eroina davanti a una fermata del tram a Marghera. Gli agenti, che da giorni seguivano gli spostamenti dell'uomo nelle vie intorno a piazzale Giovannacci, lo hanno fermato subito dopo la smercio di alcune dosi a due clienti.

Pedinati i "clienti"

La pattuglia del Nucleo di pronto impiego ha seguito il compratore mentre si allontanava a passo spedito verso via Paolucci per poi fermarlo e procedere alla perquisizione, che ha consentito di rinvenire l'ovulo di eroina appena acquistato. All’uomo, un trentaquattrenne residente a Marghera, è stata inflitta una sanzione di 350 euro per la violazione dell'articolo 73 del nuovo Regolamento di Polizia e Sicurezza Urbana, ovvero l’acquisto sulla pubblica via di sostanze stupefacenti, ed è stato poi segnalato al prefetto di Venezia.

Dosi di eroina

Nel frattempo il cittadino africano, sempre tenuto sotto controllo da personale in borghese, si è appartato con un altro cliente e, dopo aver sputato le dosi dalla bocca, le ha cedute dietro pagamento di alcune banconote. Anche in questo caso il compratore, un 47enne residente a Mestre, è stato fermato lontano dal luogo dello spaccio e ha inizialmente negato di avere acquistato sostanze stupefacenti. Solo l’arrivo sul posto dell'unità cinofila ha convinto il "cliente" a confessare l’acquisto della droga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spacciatore in manette

A seguito dei controlli sui clienti, gli agenti hanno quindi bloccato lo spacciatore al quale è stato contestato il reato di spaccio continuato. Dopo aver trascorso la notte nella camera di sicurezza della polizia locale, B.J., richiedente asilo, è comparso davanti al giudice che ha convalidato l'arresto con la condanna a un anno e sei mesi di reclusione, per poi rimetterlo in libertà con pena sospesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

  • Coronavirus, il bollettino di oggi: dati del contagio in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento