menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasconde la droga nel vano della batteria della carrozzina, disabile arrestato

Un 32enne tunisino, senza gambe a causa di un incidente, è finito in manette grazie al fiuto di Kuma venerdì. Il cane antidroga l'ha puntato in via della Rinascita a Marghera

Hanno dovuto chiamare un'ambulanza per trasferirlo in caserma, dove è stato arrestato per spaccio. Altri modi non c'erano per trasportarlo. Si tratta di un personaggio molto conosciuto a Marghera, che a causa di un incidente è rimasto senza gambe. Si muove in carrozzina, che sfrutta anche come nascondiglio dove posizionare la "roba".

Un controllo interforze tra carabinieri e polizia municipale, scattato venerdì pomeriggio, l'ha messo nei guai. Nel vano batteria della carrozzina il pusher tunisino, un 32enne immortalato in passato in "azione" anche da alcuni video amatoriali di qualche residente, nascondeva sette involucri e 23 dosi di eroina, per un peso totale di quasi mezzo chilo; addosso, inoltre, l'uomo teneva oltre 5mila euro, a riprova della portata del giro di spaccio che aveva saputo organizzare. Lo stupefacente che non ha mancato di attirare l'attenzione del cane antidroga della polizia municipale "Kuma", che ha iniziato a puntare l'uomo con decisione in via della Rinascita. Alla fine si è capito il motivo. Come detto, è stato poi richiesto l'intervento di un'ambulanza per il trasferimento in caserma del sospetto. Al termine degli accertamenti dei carabinieri arrestato per spaccio. 

L'operazione fa parte dei servizi di sicurezza urbana condotti nei giorni scorsi dal personale della compagnia carabinieri di Mestre con la stazione di Marghera con il supporto della compagnia di intervento operativo del 4° Battaglione Mobile e della unità cinofile della polizia locale di Venezia: i controlli hanno riguardato principalmente l’area urbana di Mestre e Marghera, in particolare la zona del quartiere Piave e dei principali parchi cittadini nonché delle zone residenziali. In tutto sono state sottoposte a verifica decine di persone, soprattutto tra call-center, internet point e sale giochi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento