Cronaca Mestre Centro / Via Piave

Arrestato al rientro in Italia: era ricercato per spaccio di droga in via Piave

La polizia ha bloccato un 29enne appena atterrato a Malpensa con un volo dalla Tunisia

Spaccio di eroina e cocaina: è il reato di cui è accusato M.W., tunisino di 29 anni arrestato domenica 24 gennaio dai poliziotti dell’aeroporto di Malpensa dopo essere sceso da un volo proveniente dal suo paese d'origine. L'uomo era destinatario di un'ordinanza di carcerazione emessa dal tribunale di Venezia in seguito ad una serie di indagini effettuate dagli agenti del commissariato di Mestre.

La zona d'azione era quella di via Piave, nei dintorni della stazione ferroviaria. M.W., secondo i risultati delle indagini, era responsabile di un'attività di spaccio in concorso con B.A., un connazionale ventenne: i due gestivano la vendita di circa 60 grammi al giorno tra cocaina ed eroina, un giro che vale fino a mille euro al giorno.

Nell’agosto del 2020, a conclusione delle indagini, il giudice aveva emesso il provvedimento restrittivo a carico dei due: B.A. era stato subito catturato e portato in carcere, mentre M.W. all’epoca non è stato rintracciato perché nel frattempo era tornato in Tunisia. Ora la sua latitanza è terminata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato al rientro in Italia: era ricercato per spaccio di droga in via Piave

VeneziaToday è in caricamento