menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Al lavoro" tra calli e campielli vicino a San Marco: spacciatore arrestato dalla Municipale

Le manette scattate nel pomeriggio di sabato nelle vicinanze di ramo San Zulian. Il pusher, un 32enne albanese, è stato visto cedere cocaina a una cliente. Poi l'intervento dei vigili

E' stato incastrato dagli agenti in borghese, che si erano appostati proprio per far luce su una sospetta attività di spaccio. Sabato scorso, poco prima delle 14, gli uomini del nucleo di polizia giudiziaria della polizia locale hanno stretto le manette ai polsi non distante da piazza San Marco a un 32enne di nazionalità albanese, privo di documenti. Al termine della direttissima è stato rimesso in libertà dal giudice, con divieto di dimora in Veneto. In attesa del processo di maggio. 

L'arresto è stato operato in corte de la Zogia: gli operatori hanno concentrato la propria attenzione su un uomo che, apparentemente senza alcun motivo, stazionava all’angolo tra le mercerie dell’orologio e ramo San Zulian. Continuava a usare 2 telefoni cellulari guardandosi intorno. Come se avesse paura di essere osservato. Pochi minuti dopo è sopraggiunta una donna che si è diretta all’interno di ramo San Zulian per svoltare immediatamente a destra in corte de la Zogia. In una frazione di secondo gli operatori hanno visto i due infilarsi nella Corte e dopo pochi secondi uscirne prendendo direzioni diverse. La donna, che era stata notata mentre infilava qualcosa nei pantaloni, è stata subito fermata, e ha consegnato agli agenti una bustina con la cocaina appena acquistata per  90 euro.

Il pusher, di nazionalità albanese, è stato seguito da altri agenti, bloccato all'interno di un bar in campo Santa Maria Formosa e perquisito: aveva nascoste addosso 37 dosi di cocaina già confezionate e pronte per lo spaccio. La perquisizione ha permesso inoltre di trovare 395 euro in contanti, 7 sim card e 2 telefoni cellulari (con altrettante sim card). Droga, soldi e carte telefoniche sono state sequestrate e il pusher, dichiarato subito in arresto, è stato trasferito nella camera di sicurezza del Servizio di sicurezza urbana. Dove è rimasto il sabato e la domenica. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento