menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasconde la droga nel vocabolario Arrestato un 17enne di Mirano

Il giovane è stato pizzicato con oltre 20 grammi di Marijuana pronti allo spaccio, per lui il gip ha poi previsto l'obbligo di permanenza in casa

Era convinto che la custodia del vocabolario fosse un nascondiglio perfetto, il luogo ideale dove nascondere le dosi già confezionate e pronte ad essere spacciate. Ogni volta che trafficava sulla libreria, i genitori pensavano che si stesse dedicando ai compiti scolastici. In realtà lì dentro un 17enne di Mirano nascondeva almeno una ventina di grammi di Marijuana, destinata ad un florido giro di spaccio. Il giovane è stato arrestato mercoledì mattina dai carabinieri della stazione locale, il gip ha previsto addirittura l’obbligo di permanenza in casa. Una sorta di arresto domiciliare destinato ai minorenni. Come riporta la stampa locale, la notizia si è diffusa rapidamente negli ambienti scolastici miranesi, dove già in passato altri minorenni furono fermati per reati analoghi.

Il 17enne è stato pizzicato dai carabinieri mercoledì mattina, a cinquanta metri dalla cittadella scolastica di via Matteotti, mentre camminava tranquillamente verso la scuola. Lui non lo sapeva, ma i militari dell’arma lo tenevano d’occhio da tempo: erano arrivati a lui tramite un’indagine precedente sempre legata alla droga, sapevano che con sé portava quotidianamente la Maria. Fermato, è andato subito in agitazione: è bastata una rapida perquisizione per trovargli addosso altri due grammi, mentre il restante è stato sequestrato pochi minuti dopo nella sua camera da letto.

Immediatamente portato in caserma, l’arresto è stato convalidato venerdì mattina. Ora i carabinieri indagano per capire le reale portata del giro di spaccio individuando complici e clienti. Lo scorso maggio un 16enne e un 17enne di Mirano vennero fermati dalle forze dell’ordine per lo stesso motivo: in quel caso ci fu addirittura un blitz dei carabinieri al liceo Majorana, dopo che un docente trovò nel bagno per disabili i due ragazzini che si scambiavano la droga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento