menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio di droga nelle spiagge: un arresto e 4 denunce. Tre minori portati via dai carabinieri

A Bibione rintracciato un 54enne che era stato affidato ai servizi sociali e perquisito un 18enne di origini austriache. A Caorle controllate 3 abitazioni e trovata una serra rudimentale

Continuano le operazioni dei carabinieri di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nelle località balneari della provincia di Venezia. A Bibione i militari hanno rintracciato in questi giorni un 54enne, originario del Padovano, già noto alle forze dell'ordine per essere stato sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento al servizio sociale per reati in materia di sostanze stupefacenti, e lo hanno arrestato. L'uomo è stato portato in carcere a Pordenone.

Sempre a Bibione i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti un artigiano 18enne di origini austriache, domiciliato in zona per il periodo estivo. Il ragazzo, che al controllo dei militari è parso teso, è stato perquisito. In suo possesso aveva 36 grammi di marijuana, un grinder, cioè un macinino per sminuzzare erbe, e un bilancino di precisione.

A Caorle i carabinieri, nel corso delle operazioni di perlustrazione, hanno identificato tre giovani, minorenni, e li hanno denunciati in stato di libertà per produzione e detenzione di sostanze stupefacenti. I giovani sono stati sorpresi all’interno di un magazzino intenti a confezionare alcune bustine di marijuana del peso complessivo di 15 grammi. I militari hanno perquisito anche le abitazioni dei minori, trovando una serra rudimentale, costituita da una scatola contenente 7 germogli della stessa sostanza, 3 lampade ed un ventilatore funzionanti a batteria. I tre sono stati portati in caserma e denunciati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento