Cronaca

Eroina killer: il Comune scende in trincea nei luoghi del "buco" ma anche su Facebook

Riunione ai Servizi sociali per mettere a punto le future linee guida per arginare l'arrivo della nuova droga: "Cercheremo un rapporto uno a uno d'informazione, anche nel mondo digitale"

La sede dei Servizi sociali a Mestre

C'è una piazza dello spaccio "reale" e c'è una piazza virtuale che si ramifica attraverso i social network. Lì chi è interessato a un determinato tipo di merce trova informazioni e consigli. "Recensioni" addirittura. Un mondo spesso inesplorato da chi ha intenti informativi e cerca di arginare gli effetti per certi versi dirompenti dell'arrivo dell'eroina "killer" a Mestre.

I TOSSICODIPENDENTI: "PREOCCUPATI, MA L'EROINA E' PIU' BUONA"

RIUNIONE AI SERVIZI SOCIALI

Mercoledì mattina negli uffici dell'assessorato ai Servizi sociali di villa Querini a Mestre è stata indetta una riunione tra i responsabili del settore "riduzione del danno" e l'assessore Simone Venturini per chiarire le future linee guida dell'attività di aiuto nei confronti di tossicodipendenti che, specie tra chi non è abituato a dosi più "pure" rispetto a pochi mesi fa, ora rischia grosso. I decessi delle ultime settimane non possono essere un caso. In cantiere anche una pagina Facebook con cui veicolare messaggi positivi e d'interesse sociale in maniera non banale o "paternalistica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

MAPPATURA DEI LUOGHI DEL "BUCO"

"Ci stiamo muovendo in due direzioni principali - spiega l'assessore Venturini - fermo restando che il nostro operato si aggiunge all'attività repressiva e di controllo delle forze dell'ordine e della polizia locale. In primis cercheremo di mappare i luoghi in cui i consumatori si appartano per assumere droga, non un'operazione semplice. E' lì che in un rapporto a tu per tu speriamo di riuscire a informarli dei rischi che corrono e di quali sono le vie d'uscita percorribili. Poi cercheremo di sfruttare anche i social network, perché ora i luoghi d'aggregazione fisici come dieci anni fa non ci sono più". Il parchetto con le panchine è stato sostituito dalle chat di Whatsapp o dai messaggi privati su Facebook.

ANALISI DEI SOCIAL NETWORK

Ci sarà un lavoro di "intelligence" per individuare le persone a rischio, dopodiché si cercherà di carpire la loro fiducia: "Chi rischia è soprattutto chi non è un consumatore abituale - conclude Venturini - come la giovane ragazza che purtroppo ha perso la vita. Le campagne di informazione generiche con manifesti e locandine sono inutili in questo caso, cercheremo quindi di presidiare anche il mondo digitale". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eroina killer: il Comune scende in trincea nei luoghi del "buco" ma anche su Facebook

VeneziaToday è in caricamento