Marijuana agli studenti, un quindicenne e un ventenne nei guai per spaccio

Sono stati scoperti dai carabinieri a Mira nel corso dei controlli degli ultimi giorni. Il più grande aveva mezzo etto di sostanza in casa

I controlli dei carabinieri

Nelle ultime ore i carabinieri della compagnia di Mestre si sono concentrati sui fenomeni di spaccio nelle scuole e nelle immediate vicinanze. Sono stati gli stessi studenti, in alcuni casi, a segnalare comportamenti sospetti da parte dei coetanei: in particolare, i carabinieri della tenenza di Mira sono risaliti a un quindicenne e a un ragazzo più grande, di 20 anni, che vendevano marijuana ad altri giovani del posto.

Marijuana in casa

Il quindicenne è stato bloccato mentre andava a prendere il bus e perquisito: ben nascosti, nella biancheria intima, c'erano sette involucri contenenti marijuana e 30 euro in banconote. A quel punto i militari hanno ripercorso a ritroso gli spostamenti del ragazzo, presentandosi nell'abitazione da cui era uscito. Non era casa sua, bensì il luogo di residenza di C.M., ventenne già conosciuto alle forze dell'ordine: una perquisizione domiciliare ha portato a scoprire, nascosti in bagno, oltre cinquanta grammi della stessa sostanza e un bilancino di precisione. I due sono accusati di detenzione di droga a fini di spaccio, con l'aggravante di aver venduto a minori. Il quindicenne è stato denunciato alla procura minorile e affidato alla famiglia, mentre il maggiorenne è stato arrestato e messo ai domiciliari in attesa di giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento