Spazzamare, una giornata di immersioni per ripulire i fondali dai rifuti

È in programma l'8 giugno in collaborazione con le capitanerie di porto. Per il Veneto l'iniziativa si svolgerà a Chioggia

Lunedì 8 giugno, in occasione della giornata mondiale degli oceani, si svolge l’operazione Spazzamare, «la più importante giornata di pulizia dei fondali mai realizzata in Italia», organizzata congiuntamente dal progetto europeo Clean Sea Life e dalle capitanerie di porto. I sommozzatori di una quarantina di centri immersione e i cinque nuclei subacquei della capitaneria di porto, armati di sacchi e palloni di sollevamento, si immergeranno in darsene e porticcioli di tutte le regioni costiere d’Italia per liberare i fondali dai rifiuti. Gli oggetti recuperati saranno catalogati, pesati e poi smaltiti grazie alla collaborazione degli enti locali. In Veneto prenderà parte all'iniziativa Isamar Diving Center, coadiuvato da Abissi Underwater Photo Venice e supportato dalla capitaneria di porto di Chioggia e da Veritas per l’asporto e lo smaltimento degli scarti. Assonautica Italiana supporta l'iniziativa.

Eleonora de Sabata, portavoce del progetto, commenta: «Ringraziamo di cuore i diving center e le centinaia di subacquei che dedicheranno le prime, agognate immersioni dopo il lockdown non al divertimento ma alla tutela del mare, e gli enti locali che assicureranno lo smaltimento dei rifiuti. Ma la battaglia contro il mare di plastica si deve combattere a terra, riducendo il più possibile la produzione di rifiuti. Prima che arrivino a mare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento