menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Concessioni spiagge, Caner: "Bolkenstein come spada di Damocle sul Paese"

"Troppa l'incertezza nella quale operano le aziende del settore balneare - afferma l'assessore regionale - dietro a semplici strisce di sabbia c'è una filiera economica e produttiva"

Sulla questione delle concessioni delle spiagge l'assessore regionale al Turismo e all'Ambiente, Federico Caner, interviene chiedendo al governo di "avviare un confronto più incisivo con l’Unione Europea, portando ai tavoli di trattativa che contano a Bruxelles anche le Regioni interessate”.  

“Il Governo - scrive Caner - si avvalga di più della conoscenza che in materia di turismo balneare hanno le Regioni costiere e dell’esperienza che queste hanno maturato da quando, purtroppo, la Bolkenstein incombe come una spada di Damocle su uno dei settori economici più importanti del nostro Paese”.

L’assessore veneto ha partecipato alla riunione della commissione congiunta turismo e ambiente della Conferenza delle Regioni, svoltasi a Roma, per esaminare la situazione relativa alle norme comunitarie sulla concorrenza nell’affidamento delle concessioni demaniali marittime a uso turistico ricreativo.

“La Regione del Veneto – sottolinea l’assessore – ha piena consapevolezza della  situazione di incertezza nella quale operano da anni le aziende del settore balneare. Quello che si stenta a comprendere, a Roma come a Bruxelles, è che dietro a quelle strisce di sabbia che qualcuno considera semplicisticamente aree da concedere a fronte del pagamento di un canone, si sviluppa una filiera economica e produttiva di vaste dimensioni, un sistema in grado di generare ricchezza e occupazione che nessuno può permettersi di demolire. Non parliamo solo di strutture ricettive, che pure sono una componente importantissima, parliamo di tutto l’insieme di imprese che operano nel campo dell’ospitalità e dello svago, di tutti i territori a monte che forniscono produzioni e manodopera finalizzate al turismo balneare che, voglio ricordarlo, nel Veneto significa nientemeno che 24,5 milioni di presenze”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento