menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spinea, la confessione choc dopo una lite: "Ho soffocato la suocera"

Massimiliana Cherubin, 57 anni, di fronte ai carabinieri intervenuti per sedare un litigio ha confessato l'omicidio di sei mesi fa. "E ho tentato di uccidere anche mia figlia"

Di fronte alla forze dell'ordine intervenute martedì sera per sedare una lite familiare, scoppiata in un'abitazione in via Andrea Costa a Spinea, Massimiliana Cherubin, 57enne, avrebbe raccontato di essere la responsabile della morte dell'anziana suocera, Elisa Bozzi, 92enne, avvenuta l'estate scorsa, e di aver cercato di uccidere prima di Capodanno anche la figlia, invalida al 75 per cento. Forse desistendo all'ultimo momento.

MORTA SOFFOCATA - Sul corpo dell'anziana il 16 luglio non erano stati riscontrati segni di violenza dal medico legale. Ora però gli inquirenti probabilmente chiederanno la riesumazione del cadavere. Secondo quanto confessato dalla 57enne, avrebbe infilato due sacchetti in testa di Elisa Bozzi, le avrebbe premuto il petto con i piedi e le avrebbe sferrato un calcio in testa. Le liti, secondo quanto scrive il Corriere del Veneto, erano quotidiane. Tra Massimiliana Cherubin e le altre donne di casa. Tanto che cinque anni fa avrebbe legato la figlia in cantina, ora 30enne, perché non la sopportava più. Il giorno dell'Epifania poi la rea confessa ha tentato il suicidio, venendo ricoverata alcuni giorni in ospedale. Ora la donna è in stato di fermo nel carcere femminile della Giudecca con l'accusa di omicidio volontario e tentato omicidio.


PROBLEMI PSICHIATRICI - Una tragedia, se verrà confermata, figlia della disperazione. Per la necessità di accudire due persone malate che col tempo non si sopportavano più e per i problemi psichiatrici diagnosticati a Massimiliana Cherubin. Secondo il centro di igiene mentale dell'ospedale di Mirano, infatti, la donna avrebbe una personalità instabile. Negli ultimi tempi aveva anche sofferto di bulimia. Un film dell'orrore in una casa come tante, ma è tutto reale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento