menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Deve starle a 500 metri, ma la minaccia e le mette sottosopra casa: stalker in manette

L'episodio è successo nella notte a Caorle, attorno alle 3. Nonostante la misura restrittiva, negli ultimi mesi si era reso responsabile di continui atti persecutori verso la donna

Nonostante la misura restrittiva, non aveva mai smesso di importunarla. Nella notte di martedì, attorno alle 3, i carabinieri non hanno potuto fare altro che arrestare a Caorle R.F., 41enne residente del posto, dopo la chiamata angosciata della propria ex compagna, che lamentava di essere stata aggredita e minacciata. Il fatto in centro storico, a pochi passi dalla spiaggia.

Tutto ha inizio nello scorso mese di aprile, quando il caorlotto era stato sottoposto al divieto di avvicinamento alla donna e alla sua abitazione: doveva mantenersi ad almeno 500 metri dalla sua ex, oltre a evitare qualsiasi tipo di tentativo di comunicazione, sotto qualsiasi forma. Il provvedimento era stato preso dall'autorità giudiziaria dopo che la vittima aveva denunciato numerosi episodi di stalking, che non le permettevano di vivere con la necessaria tranquillità.

Ma di rispettare la misura impostagli, evidentemente, non ne aveva proprio l'intenzione. La scorsa notte, infatti, sarebbe entrato nella casa dell'ex, sfruttatando un paio di vecchie chiavi delle quali era ancora in possesso e poi, una volta dentro, avrebbe cominciato a danneggiare mobili, suppellettili, porte e vari effetti personali, giungendo ad aggredire e minacciare la sua vittima. Sfogata la sua rabbia, si sarebbe dileguato.

A quel punto la donna, in preda al panico, ha contattato le forze dell'ordine, con i militari dell'Arma che si sono portati rapidamente sul posto, nel tentativo di intercettare lo stalker che si era appena allontanato. E quella figura nella penombra, poco distante dalla casa della donna, era proprio il 41enne: sospettando si potesse trattare di lui, infatti, gli uomini in divisa hanno proceduto a bloccarlo all'istante, per sottoporlo ad un controllo che ha confermato la propria ipotesi.

Dopo aver raccolto la testimonianza della donna, visibilmente sotto shock, i carabinieri hanno condotto il 41enne nella locale caserma, dove hanno appurato che si era reso responsabile più volte, negli ultimi tempi, di stalking ai danni dell'ex compagna, sia telefonico, sia attraverso visite e pedinamenti, infrangendo di fatto la misura restrittiva impostagli. In virtù della cattiva condotta e dei reiterati episodi perscutori, il caorlotto è stato quindi arrestato, in attesa del processo per direttissima di martedì.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento