menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Incendia l'auto della ex, ma poi viene sorpreso in possesso della bottiglia di benzina

Un 32enne di Meolo è stato arrestato nei giorni scorsi dopo che ha dato alle fiamme il veicolo in uso a un 30enne compaesana. I carabinieri di Noventa intervenuti subito dopo

E' stato sorpreso nella notte del 5 settembre scorso in possesso di una bottiglia di plastica della Coca-Cola con all'interno tracce di liquido infiammabile. Poco prima, a non molta distanza, un'auto era andata completamente a fuoco. I carabinieri della stazione di Noventa di Piave hanno subito pensato che i due elementi fossero collegati, tanto più che l'automobilista appena bloccato era I.N., 32enne di Meolo, pregiudicato e destinatario di un ammonimento del questore comminato nel gennaio scorso che gli intimava di tenersi alla larga dell'ex convivente, la quale nel frattempo era tornata a vivere dalla madre. Proprio la proprietaria del veicolo che poco prima era andato a fuoco. 

I fatti: verso le 4 della notte, vicino l'abitazione della ex, una 30enne sempre di Meolo residente in località Capo d'Argine, il 32enne aveva causato l'incendio di una Renault Clio in uso alla giovane donna. Sul posto si sono subito portati i militari dell'Arma, che hanno fermato il 32enne poco lontano. Era a bordo della propria auto. Nel corso della perquisizione è stato trovato in possesso non solo della bottiglia contenente liquido infiammabile, ma anche di un accendino. Insomma, l'occorrente per innescare un incendio. Tutto è stato posto sotto sequestro, al pari dell'auto del 32enne. 

Per lui è scattato l'arresto (deve rispondere dell'incendio doloso), oltre che la denuncia in stato di libertà per atti persecutori. Con ogni probabilità al momento del controllo il 32enne era sotto l'effetto di stupefacenti: se i risultati di laboratorio eseguiti all'ospedale di San Donà lo accerteranno, I.N. sarà denunciato anche per questo. Al termine dell'udienza di convalida il giudice ha disposto che l'arrestato sia trattenuto a Santa Maria Maggiore in attesa dell'inizio del processo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento