Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Spinea

Stalking alle rispettive ex compagne: due uomini di Spinea raggiunti dai carabinieri

Per loro il giudice ha stabilito il divieto di avvicinamento alle vittime. È stato anche arrestato un uomo responsabile di scippi e rapine ai danni di donne anziane

Ieri sera i carabinieri, in attuazione al codice rosso relativo alla violenza di genere, hanno notificato a D.S.A., 54enne originario della Campania che da tempo abita a Spinea, un divieto di avvicinamento nei confronti della ex compagna 49enne. L’uomo è indagato per atti persecutori: stando alla ricostruzione degli investigatori, non ha mai accettato la fine della relazione e ha in più occasioni pedinato la vittima, minacciandola (anche con un bastone), suonando insistentemente al campanello di casa, proponendole rapporti sessuali ed intimandole di non frequentare altre persone. Più volte la donna avrebbe subito lesioni personali e minacce.

Sempre a Spinea i carabinieri hanno dato stamattina esecuzione alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nei confronti del 66enne S.A. per lo stesso tipo di reato: l'uomo è gravemente indiziato di atti persecutori commessi nei confronti di una donna nella provincia di Vicenza. Anche per lui, inoltre, il giudice ha stabilito il divieto di avvicinamento alla donna.

Altre indagini dei carabinieri di Spinea hanno portato all'arresto di El Omri El Haji, marocchino di 52 anni senza fissa dimora e pregiudicato, accusato di una serie di reati commessi a partire dal 2017: furti con strappo, scippi e rapine, tutte ai danni di persone molto anziane, soprattutto donne. L'episodio più grave è una rapina avvenuta nel 2017 a Mirano: l’uomo aveva scippato la borsetta ad una signora e poi le aveva anche rubato l'auto per fuggire; nel momento in cui aveva messo in moto, però, la vittima si era aggrappata allo sportello della macchina, in un vano tentativo di fermarlo. In questo modo si era ferita. Sempre in quel periodo lo stesso rapinatore aveva aggredito un'anziana donna di 92 anni, colpendola alla testa per poi rubarle la borsa. Nei giorni scorsi il tribunale ha emesso un’ordinanza di carcerazione a carico dell’uomo, che nel frattempo era stato in Spagna e poi estradato in Italia (a gennaio 2020) per aver usato banconote false. I carabinieri lo hanno rintracciato in queste ore e portato in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stalking alle rispettive ex compagne: due uomini di Spinea raggiunti dai carabinieri

VeneziaToday è in caricamento