menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Staminali, Nas sequestrano cellule a Brescia: bloccate cure e infusioni

La procedura è stata disposta dal tribunale di Torino su richiesta del pm Raffaele Guarianiello. Lo stop riguarderà anche la piccola Celeste

I Nas di Torino hanno sequestrato apparecchiature e cellule staminali a Brescia, su disposizione del tribunale di Torino. Bloccata la sperimentazione agli Spedali Civili, a pochi giorni dall'ultima infusione di staminali alla piccola Celeste di Tessera, venerdì scorso. Lo stop alla metodica Stamina di Davide Vannoni, con tutta probabilità riguarderà anche la bambina veneziana.

IL SEQUESTRO. Sono stati 172 i giudici in Italia ad avere detto "no", mentre 164 si sono pronunciati a favore del trattamento. E' quanto si sottolinea nelle carte del procedimento che sabato, per ordine del gip Francesca Christillin, su richiesta dal pubblico ministero Raffaele Guariniello, ha portato al blocco della sperimentazione agli Spedali Civili di Brescia. E' stato però specificato che i provvedimenti, "al di là del rispetto che gli è dovuto", hanno "finalità autonome e distinte" e non intervengono sulla "legittimità o non legittimità delle attività delittuose" ma su altri aspetti.

STAMINA FOUNDATION. "Le infusioni sono bloccate - ha confermato Marino Andolina, vicepresidente di Stamina Foundation, aggiungendo - sembra che ormai sia reato ottemperare alle sentenze dei tribunali". "Mai visto un conflitto così tra poteri dello stato", ha commentato invece su Twitter il presidente di Stamina Foundation Davide Vannoni alla notizia del sequestro preventivo da parte dei Nas.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento