Cronaca

Stipendi nei teatri, tra i più pagati il direttore artistico della Fenice

Fortunato Ortombina percepisce 165mila euro l'anno, cifre alte pure per il sovrintendente. Classifica guidata dal direttore artistico de La Scala

Con 165mila euro l’anno, il direttore artistico della Fenice è tra i più pagati d’Italia nel suo campo. A rivelare la retribuzione di Fortunato Ortombina è il Corriere del Veneto, riprendendo un articolo del Corriere della Sera relativo agli stipendi di chi lavora nei principali teatri italiani. La legge 33 del ministro Bray, infatti, stabilisce dal 2013 la pubblicazione obbligatoria degli stipendi ricevuti dai sovrintendenti, direttori artistici, amministrativi e musicali delle 14 fondazioni lirico-sinfoniche e dei teatri che ricevono sovvenzioni statati dal Fus (Fondo unico per lo spettacolo).

Le cifre stanno uscendo in questi giorni e si riferiscono agli stipendi lordi. Il più pagato in assoluto risulta essere il sovrintendente e direttore artistico della Scala di Milano Stéphane Lissner, con 507 mila euro l'anno dichiarati. Sempre secondo lo stesso articolo, sarebbe l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma a spendere maggiormente per i suoi manager, dividendo le competenze direzionali in tre distinte figure.

Numeri alti pure per quanto riguarda il Veneto. Francesco Girondini, sovrintendente dell'Arena di Verona, riceve 250 mila euro mentre per lo stesso ruolo alla Fenice di Venezia il 61enne Cristiano Chiarot riceve un compenso di frutta 167 mila. Dietro Fortunato Ortombina della Fenice, si piazza il direttore artistico dell’Arena di Verona, Paolo Gavazzeni con 98mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stipendi nei teatri, tra i più pagati il direttore artistico della Fenice

VeneziaToday è in caricamento