«Stop a estetiste e parrucchieri abusivi a domicilio»

L'associazione Artigiani e Confcommercio del Miranese ha scritto una lettera ai sindaci: «Concorrenza sleale, evasione e rischi per la salute pubblica: servono più controlli»

Alcuni irriducibili della ceretta o della tinta per capelli, anche in tempo di coronavirus, ricorrono agli abusivi delle professioni. Estetiste e parrucchieri, costretti a chiudere, ora chiedono aiuto ai sindaci: «Servono più controlli, a rischio c’è la salute dei clienti». È questo il senso di una lettera inviata dai rappresentanti dell’Associazione Artigiani Piccole Imprese e Professioni del Miranese e di Confcommercio del Miranese a tutti i sindaci del comprensorio, per chiedere di scendere in campo personalmente, con tutti i mezzi a disposizione, per porre un freno alla proliferazione di attività abusive di acconciatura ed estetica in questi tempi di emergenza sanitaria. A sottoscrivere l’appello oltre 30 attività del settore benessere del territorio, che da oltre un mese e mezzo stanno vivendo il dramma della serrata imposta dai provvedimenti delle autorità.

«Fin dall’inizio dell’epidemia - scrivono il capo categoria dell’Associazione Artigiani Andrea Preo e il presidente di Confcommercio del Miranese Ennio Gallo - i nostri associati del settore benessere hanno dimostrato rispetto delle regole e senso civico, sospendendo ogni attività e tirando giù la serranda del negozio ancor prima che i provvedimenti del governo imponessero tali scelte. Siamo però costretti a segnalare che nel nostro territorio continuano a perdurare e proliferare attività abusive di acconciatori ed estetisti, che in tutto il Miranese, in totale sprezzo di qualsiasi regola e in questo momento addirittura in totale disprezzo della salute pubblica, continuano ad esercitare le loro attività a domicilio dei clienti, sfruttando le chiusure delle attività sane e regolari».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per le due associazioni di categoria non si tratta solo di un danno a chi regolarmente esercita la professione: «Già è così in tempi normali, figuriamoci in un periodo come questo, quando si aggiunge alla violazione di norme civilistiche e penali anche il rischio sanitario, mancando questi “colleghi” di ogni minima misura precauzionale. La situazione è intollerabile - scrivono rivolti ai sindaci - vi invitiamo ad adoperarvi con le polizie locali per bloccare il fenomeno con controlli specifici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carte false per mantenere in famiglia la licenza di taxi acqueo: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento