menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acque agitate attorno al Casinò: i sindacati abbandonano il tavolo di trattativa

Stop improvviso alla riunione di mercoledì pomeriggio a Ca' Farsetti. L'assessore alle Partecipate, Zuin: "Continueremo a coinvolgere lo stesso i rappresentanti dei lavoratori"

Stop improvviso alle trattative per il rinnovo del contratto aziendale di lavoro per i dipendenti del Casinò. Mercoledì pomeriggio i sindacati hanno abbandonato il tavolo di Ca' Farsetti alla presenza dell'assessore alle società partecipate, Michele Zuin, e dei rappresentanti della Casinò Gioco Spa. La riunione era stata convocata per esaminare il documento sindacale presentato il 18 aprile da SLC-Cgil, Fisascat-Cisl, RLC, SGB che si è aggiunto a quello depositato la settimana scorsa dallo SNALC e sul quale è già iniziato il confronto.

“È decisamente inaccettabile - commenta l'assessore Zuin - che le organizzazioni sindacali abbiano deciso di abbandonare il tavolo dopo aver posto come pregiudiziale alla discussione il confronto sulla rimozione per manutenzione di 20 slot machine su un totale di circa 600. Tale intervento, considerato dai sindacati unilaterale, era invece stato comunicato dall'azienda ai sindacati lo scorso 4 aprile invitandoli ad un tavolo tecnico per il 10 aprile. Tavolo al quale non si sono presentati. È inammissibile che l'azienda non possa gestire anche la semplice manutenzione di alcune slot senza passare per una trattativa sindacale. È per questo che si sta proponendo un nuovo contratto di lavoro che si ponga come obiettivo la distinzione dei ruoli tra chi gestisce l'azienda e i lavoratori".
 

Il piano industriale è stato presentato lo scorso febbraio: "La situazione di crisi della casa da gioco, che sconta decisioni scellerate prese dalle passate amministrazioni - ha continuato Zuin - ci impone di continuare l'azione di rilancio attraverso l'attuazione di un piano industriale già presentato nei mesi scorsi e che deve essere integrato da un nuovo contratto di lavoro. Questa è la condizione necessaria per legge per procedere al risanamento della società e a realizzare gli investimenti previsti. L'amministrazione comunale – conclude Zuin -, nonostante la decisione odierna, continuerà a coinvolgere le sigle sindacali fino allo scadere dei termini per consentire la ricapitalizzazione della società Casinò Gioco spa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Sequestrate 83 tonnellate di rifiuti al porto di Venezia

  • Cronaca

    Taxi fermi: fatturato giù del 98% su acqua e dell'86% su gomma

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento