rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Zelarino

"Estranei sui binari", treni bloccati un'ora tra Mestre e Treviso. Viste due persone in fuga

Lo stop alle 17.50 di lunedì dopo la segnalazione di alcuni passeggeri non distante dalla stazione dell'ospedale dell'Angelo. Gli agenti della polfer hanno visto scappare una coppia

Alcuni passeggeri in transito hanno segnalato la possibile presenza di una persona lungo i binari. Per questo motivo è scattato il protocollo di sicurezza e i ritardi si sono fatti sentire sulla linea Venezia - Trieste a partire da poco prima delle 18 di lunedì. Il "problema" in territorio mestrino, non distante dalla stazione dell'ospedale. A un certo punto coloro che si trovavano a bordo di un convoglio hanno temuto di trovarsi di fronte a un aspirante suicida.

Per questo motivo la segnalazione ha raggiunto la polizia ferroviaria, che si è portata sul posto con una pattuglia. Trenitalia, nel frattempo, ha informato gli utenti che "per la presenza di una persona estranea al Gruppo FS Italiane lungo i binari tra Mogliano Veneto e Venezia Mestre (linea Venezia - Udine), la circolazione è sospesa dalle 17.50". 

Al momento dell'arrivo della polfer sono state viste due persone scappare a piedi in direzione opposta ai binari, con ogni probabilità consapevoli di averla combinata grossa. Non è stato possibile stabilirne l'età o carpire eventuali caratteristiche fisiche che possano aiutare una eventuale identificazione. Fatto sta che altri estranei sulla linea non ne sono stati individuati. A questo punto, a un'ora dallo stop, i treni sono ripartiti. I convogli hanno registrato ritardi sensibili. Non il primo caso del genere sui binari ferroviari: ad attirare l'attenzione delle cronache soprattutto alcuni minorenni che, per moda o per noia, si sono scattati in più occasioni dei selfie sui binari poco prima dell'arrivo del treno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Estranei sui binari", treni bloccati un'ora tra Mestre e Treviso. Viste due persone in fuga

VeneziaToday è in caricamento