menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pasqua: stretta dei controlli in città, al mare e nelle stazioni

Si è riunito ieri pomeriggio il "Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica" per prevenire il contagio da covid nel corso del weekend lungo festivo

Giro di vite sui controlli in città, nelle stazioni ferroviarie e al porto, così come nelle località costiere. È quello predisposto ieri pomeriggio nel corso del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, per prevenire il contagio da covid in città e provincia.

La stretta pasquale

Come noto, nei giorni del 3, 4 e 5 aprile sarà consentito una sola volta al giorno spostarsi verso un'altra abitazione privata abitata nella stessa Regione, tra le 5 e le 22, a un massimo di due persone oltre a quelle già conviventi nell'abitazione di destinazione. Le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.

Nel corso del tavolo, è stato ribadito che l'attività motoria è limitata alle specifiche restrizione previste dalla normativa che disciplina la zona rossa: è quindi consentita solo se svolta individualmente e in prossimità della propria abitazione, rispettando la distanza di almeno un metro da ogni altra persona e indossando i dispositivi di protezione individuali.

Tutti gli spostamenti sono soggetti al divieto generale di assembramento e resta consentita la passeggiata per accompagnare i minori o le persone non completamente autosufficienti, senza che in questo caso sia necessario il rispetto della distanza di un metro.

Per quanto riguarda l'attività sportiva (anche jogging, footing e trekking), questa è consentita esclusivamente nell'ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5 alle 22, in forma individuale e all'aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri. Resta possibile nello svolgimento di un'attività sportiva che comporti uno spostamento entrare in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale unicamente all'attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

  • Cronaca

    Msc conferma due navi da crociera a Venezia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento