Occupato il liceo artistico di Venezia: "Siamo una scuola, non un'azienda di studenti"

I membri del collettivo C.R.E.T.A. hanno dato avvio alla protesta nella mattinata di lunedì. Dito puntato contro il sistema scolastico e la mancanza di spazi per gli studenti

"Riprendiamoci la scuola". Potrebbe essere questo il motto degli studenti del collettivo C.R.E.T.A. che nella mattinata di lunedì hanno deciso di occupare il liceo artistico di Venezia, "la nostra scuola, oramai basata sull'atrofizzazione di noi studenti attraverso un insegnamento che si limita a riempirci la testa di nozioni, all'interno della quale l'indiscutibile autorità dei presidi, che ci vedono sempre meno come persone e sempre più come futuri lavoratori privi di pensiero critico, regna sovrana".

Sulla facciata della scuola un grande lenzuolo, con una frase diretta: "Siamo una scuola, non un'azienda di studenti". "Riprendendoci la scuola, la nostra seconda casa, - spiegano gli studenti del collettivo - vogliamo dare un segnale forte di protesta di fronte a ciò che da troppi anni viviamo, così da poter, dall'interno, sviluppare attraverso dibattiti e un modo diverso di vivere la scuola, rappresentato dall'occupazione stessa, l'interesse degli studenti di fronte all'attualità e un tipo di scuola alternativo a quello che ci viene imposto, incentrato davvero sugli studenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La protesta, oltre a puntare il dito contro un tipo di insegnamento che limita l'apprendimento, e una riforma della scuola che rema contro gli studenti stessi, è stata organizzata per lamentare l'assenza di spazi per le assemblee d'istituto. "Oggi - continuano - abbiamo occupato anche per la mancanza di uno spazio adatto per fare assemblee di istituto con tutta la componente studentesca, spazio che da anni chiediamo ma che ancora non è stato trovato. Pensiamo che questo sia inaccettabile anche di fronte al grande numero di spazi non utilizzati e lasciati al completo abbandono all'interno del Comune di Venezia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Elezioni 2020, a Portogruaro sarà ballottaggio tra Santandrea e Favero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento