Ufficio Erasmus di Ca' Foscari "occupato", l'azione dimostrativa contro il governo turco

È l'iniziativa del collettivo Lisc, durata un paio d'ore: stamattina è stato chiesto al rettore di fermare le collaborazioni con le università turche come forma di protesta per la guerra in Siria

Foto Facebook Li.S.C collettivo universitario - Ca'Bembo Liberata

Alcuni giovani appartenenti al collettivo Lisc si sono presentati stamattina nella sede centrale di Ca' Foscari a Venezia e hanno simbolicamente occupato gli uffici Erasmus, rivolgendo un appello al rettore Michele Bugliesi e a tutte le università italiane: gli attivisti chiedono di «condannare il regime di Erdogan», il presidente della Turchia, e la guerra contro i curdi in Siria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due ore di occupazione

Spiega il Lisc: «Bugliesi ha firmato un documento della Conferenza dei rettori italiani, invitando alla veloce risoluzione della guerra turca contro la Rojava. Ma questo non basta: vogliamo anche atti più concreti e forti come la sospensione degli accordi Erasmus con le università turche». L'azione dimostrativa è durata un paio d'ore. «Abbiamo parlato con il rettore e il direttore generale - spiega una rappresentante del Lisc -. Dicono di essere d'accordo con le nostre istanze, ma per il momento difficilmente ci saranno fatti concreti. Il provvedimento che chiediamo delegittimerebbe pubblicamente le politiche turche e manderebbe un segnale forte».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Tutte le Municipalità al centrodestra tranne Venezia: chi sono i nuovi presidenti

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento