menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Si avvicina la Su e Zo per i ponti: per chi partecipa sconti ai Musei civici di Venezia

L'iniziativa di concerto tra Muve e Comune per incentivare la scoperta del patrimonio artistico della città. L'assessore Mar: "Vogliamo valorizzare una Venezia diversa dal solito"

Non solo sport e voglia di vivere a pieno la primavera. Ci saranno anche cultura, sostenibilità e socialità. In occasione della 39esima edizione della Su e Zo per i ponti, in programma il prossimo 2 aprile a Venezia, l'intento è di far conoscere una città diversa, lontano dalle zone maggiormente battute dai turisti. Per gli organizzatori è quasi tutto pronto, anche se gli ultimi giorni sono i più frenetici: gli iscritti finora sono 6mila, ma Venezia si prepara ad accogliere ben 13mila persone per l'iniziativa.

La presentazione dell'ormai tradizionale passeggiata di solidarietà alla scoperta di Venezia si è svolta giovedì mattina con una conferenza stampa svoltasi a Ca' Farsetti, alla quale sono intervenuti l'assessore comunale al Turismo, Paola Mar, il presidente della Municipalità di Venezia Murano Burano, Andrea Martini, il direttore generale e il delegato salesiano di Tgs Eurogroup, Igino Zanandrea e Paolo De Cillia, il segretario organizzativo della Fondazione Musei Civici, Mattia Agnetti, e la responsabile dell'Area Comunicazione dell'Autorità di Sistema portuale, Federica Bosello.

Anche quest'anno sarà possibile scegliere tra il percorso completo di 13 chilometri e 48 ponti, con partenza e arrivo in piazza San Marco, e quello breve di 6,5 chilometri con 22 ponti, con partenza dalla stazione Santa Lucia e arrivo in piazza San Marco, anche se la distinzione non è necessariamente netta. Tra le novità del tracciato il fatto che toccherà i Giardini della Biennale a Castello, Campo San Giacomo dall’Orio nel cuore di Santa Croce, ma anche Punta della Dogana e il Teatro La Fenice. Un inedito anche tra i punti di ristoro: uno sarà posto in Campo Santo Stefano, mentre gli altri due saranno allestiti in Campo Campo San Francesco della Vigna e all'interno dell'area dell'Autorità di Sistema portuale, dove si terrà anche un concerto organizzato in collaborazione con l'Hard Rock Cafe. A gestire i ristori, ma anche a dare indicazioni ed incitare i podisti lungo diversi punti di snodo, saranno circa 450 volontari, definiti dagli stessi organizzatori le “frecce umane” della Su e Zo. La manifestazione prevede 12 "deviazioni di percorso", ovvero una sorta di detour in tutti i sestieri, alla ricerca dei luoghi meno conosciuti della città. Sono tutti scaricabili dalla Suezo app, e sei stampati anche sulla mappa della Su e Zo.

Altra novità: grazie alla partnership con la Fondazione Musei civici dal 31 marzo al 2 aprile gli iscritti alla Su e Zo potranno visitare a prezzo ridotto alcuni musei nelle parti meno frequentate della città, da Ca' Rezzonico a Palazzo Mocenigo, da Casa Goldoni a Ca' Pesaro, dal Museo di Storia naturale ai Musei del Vetro di Murano e del Merletto di Burano. Tra le iniziative speciali, tornano poi i premi “Scrivi a Venezia”, realizzato su iniziativa e in collaborazione con la Municipalità di Venezia Murano Burano, “Corto in corsa”, grazie all'associazione Amici del Pasinetti, e “Gruppi Folk”.

La Su e Zo per i ponti continua infine a essere una corsa solidale: infatti i ricavati andranno in parte, per il quarto anno consecutivo, alla comunità salesiana che ha scelto di rimanere in Siria (in particolare a quella di Damasco) e in parte alle scuole che partecipano con più di 100 iscritti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento