rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cronaca

Il Comune di Venezia stanzia altri 3 milioni di euro a sostegno delle famiglie veneziane

Previsti fondi per rimborso dei canoni di affitto o per le spese di gestione dell'alloggio. Il primo bando sarà aperto il 15 dicembre

Tre milioni di euro per le famiglie in disagio economico e abitativo. La misura è stata approvata martedì mattina dalla giunta comunale di Venezia, e segue il bando "utenze domestiche" con il quale il Comune ha erogato sostegni economici fino a 254 euro a oltre 6 mila famiglie in difficoltà.

I fondi saranno suddivisi in due bandi da 1,5 milioni di euro ciascuno. Il primo sarà aperto dal 15 al 30 dicembre, il secondo tra febbraio e marzo. Con questa nuova manovra, ciascun nucleo familiare potrà beneficiare di un aiuto più consistente, fino a 300 euro, come rimborso per i canoni di affitto o per le spese di gestione dell'alloggio.

Le linee di intervento

Nello specifico, i contributi seguono due linee di intervento:

  • a rimborso per canoni di locazione relativi all’abitazione di residenza del proprio nucleo familiare nel territorio del Comune di Venezia
  • a rimborso per le spese di gestione dell’alloggio quali: spese condominiali e/o utenze domestiche per energia elettrica, riscaldamento ed acqua, riferite all'abitazione di residenza del proprio nucleo familiare nel territorio del Comune di Venezia.

Chi può richiedere il contributo

Per richiedere il sussidio, oltre a dimostrare di avere un Isee inferiore ai 20 mila euro, sarà necessario allegare le pezze giustificative dei canoni di affitto o, nel caso di casa di proprietà, delle bollette pagate. Più nello specifico, potranno presentare domanda i cittadini:

  • con residenza anagrafica nel Comune di Venezia
  • cittadinanza italiana/comunitaria o possesso del permesso di soggiorno in corso di validità (o di istanza di rinnovo nei termini di legge per cittadini non comunitari)
  • Isee in corso di validità alla data di presentazione della domanda pari o inferiore a 20.000 euro

L’erogazione del contributo potrà essere richiesto esclusivamente (e non cumulativamente) per una delle due azioni proposte, e verrà effettuata in un’unica soluzione, una tantum. Potrà essere presentata domanda da un solo componente del nucleo familiare anagrafico.

Come fare domanda

La presentazione delle domande potrà avvenire dalle ore 12 di giovedì 15 dicembre fino alle ore 12 di venerdì 30 dicembre 2022, attraverso la piattaforma Dime, con l’utilizzo di spid, carta di identità elettronica o carta nazionale dei servizi.

Una commissione provvederà a stilare la graduatoria delle domande ricevute e risultate valide e complete di tutta la documentazione richiesta. Dopo la pubblicazione della graduatoria sul sito del Comune di Venezia si procederà all’erogazione del contributo.

«Fare buona amministrazione vuol dire saper accantonare risorse che poi consentano di andare a sostenere i cittadini nel momento in cui ci siano situazioni di difficoltà - ha commentato il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro - Durante gli ultimi due anni abbiamo lavorato molto in questa direzione e questo ci ha permesso di aiutare sia privati cittadini che associazioni e attività commerciali. Lo abbiamo fatto con quello spirito del buon padre di famiglia per il quale imparare a risparmiare vuol dire riuscire poi ad aiutare chi ne ha bisogno».

L'assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini, ha quindi spiegato che «l'impegno è quello di evitare che le famiglie che finora hanno resistito sprofondino in una situazione di difficoltà e che quelle più fragili non peggiorino la loro condizione. L'obiettivo è di dare risposta a una nuova fascia di popolazione che oggi fatica a pagare le bollette e le spese di fine anno. Un sostegno forte che prosegue le azioni già avviate negli ultimi tre anni».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune di Venezia stanzia altri 3 milioni di euro a sostegno delle famiglie veneziane

VeneziaToday è in caricamento