menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venti taniche di oli esausti sversate in laguna: caccia ai responsabili

L'inquinamento è stato scoperto giovedì mattina a Cavallino Treporti

«Un gesto gravissimo. Tolleranza zero per questi atti criminali». Con queste parole Roberta Nesto, sindaco di Cavallino Treporti, ha commentato il maxi sversamento di oli esausti scoperto giovedì nelle acque della laguna di Venezia.

Ignoti hanno scaricato una ventina di taniche, secondo i primi accertamenti. Sul posto stanno operando la polizia locale e i vigili del fuoco per rimettere in sicurezza l'ambiente lagunare e ripulire le acque. «Se qualcuno ha visto qualcosa lo segnali alle autorità - ha aggiunto il sindaco -. Verrà fatta subito una denuncia per danni ambientali e il Comune seguirà da vicino questa gravissima vicenda». “Sversare in mare mezza tonnellata di olii esausti è un comportamento delinquenziale, ancor più grave in un’oasi naturale che in questo periodo dell’anno ospita specie svernanti come i fenicotteri. È evidente che si tratti di un atto voluto e non di un incidente», hanno commentato Francesca Zottis e Jonatan Montanariello, consiglieri regionali del Partito Democratico.

sversamento 2-2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

  • Cronaca

    Msc conferma due navi da crociera a Venezia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento