menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubbia a Venezia: "No relazione tra emissioni e cambiamenti climatici"

Nel corso di una conferenza all'Auditorium Santa Margherita, il premio Nobel ha evidenziato come, malgrado la continua produzione di CO2, dal 2000 vi sia diminuzione della temperatura

"Sviluppo sostenibile significa dare risposte al presente senza compromettere le generazioni future". E' iniziato così il lungo intervento del premio Nobel Carlo Rubbia alla conferenza annuale "The Creation of shared value: Sustainability and Finance", organizzata dalla Bsi Gamma Foundation all'Auditorium Santa Margherita di Venezia. Secondo Rubbia, le decisioni che dovranno essere prese nei prossimi 10-15 anni sul fronte della sostenibilità energetica "Avranno significative conseguenze nel campo della sicurezza energetica e del cambiamento climatico, nonché sulla crescita e i posti di lavoro. I costi potrebbero essere alti, ma il prezzo dell'inattività lo sarebbe molto di più".

Spingersi verso la sostenibilità, ha proseguito, "Implica un ampliamento della definizione di costo", poiché include "Interessi economici, ambientali e sociali di lungo periodo". Per fare in modo che lo sviluppo sostenibile sia in grado di condurre alla crescita economica, "Devono essere fatte scelte strategiche coerenti, che si basino su reali e innovativi sviluppi tecnologici e scientifici".

Il premio Nobel ha poi evidenziato come non sia "Riscontrabile un rapporto tra i cambiamenti climatici e le emissioni di CO2". Non si può dire "che non conti la CO2, che dobbiamo comunque diminuire", in particolare attraverso il ricorso a solare ed eolico. Tuttavia, come ha evidenziato svolgendo un'analisi dei dati storici sulle emissioni di anidride carbonica, la vera novità è che "nonostante le emissioni continuino, dal 2000 si è registrata una diminuzione della temperatura". Il fenomeno, ha sottolineato il fisico, è dovuto ad un effetto "mascheramento", spiegabile con "fenomeni come l'energia immagazzinata negli oceani, l'aerosol e il raffreddamento dovuto ai cambiamenti terrestri".

L'Italia, ha infine ricordato Rubbia "Può puntare anche sul geotermico, non ancora adeguatamente sfruttato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento