Incursione nella notte, tagliati i copertoni alle biciclette dei profughi ospitati al Bragosso

È successo tra domenica e lunedì. Sul posto una pattuglia del commissariato di Chioggia per effettuare i primi rilievi. Non ci sarebbero testimoni e nessuna telecamera di sorveglianza

Un gesto deprecabile, che non è difficile ipotizzare possa essere stato opera di alcune persone contrarie alla presenza dei migranti in città. Sono state prese di mira nella notte tra domenica e lunedì le 30 biciclette in uso ai richiedenti asilo ospitati a Sant'Anna (Chioggia) nei locali appartenenti all'ex hotel Bragosso.

Nessun testimone avrebbe assistito all'incursione notturna, e per il momento non c'è stato alcun riscontro da parte delle telecamere di videosorveglianza. Nello specifico, gli autori del gesto sarebbero entrati senza troppi problemi nel parcheggio della struttura, tagliando tutti i copertoni delle bici e rendendole, di fatto, inutilizzabili. La segnalazione è arrivata al 113 direttamente dagli ospiti.

Sul posto si è portata una pattuglia del commissariato di Chioggia, con gli agenti che hanno effettuato i primi rilievi del caso. Sono ancora in corso gli accertamenti della polizia, per capire se c'è qualche pista che possa portare all'identificazione dei responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento