menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I tamponi all'aeroporto di quest'estate

I tamponi all'aeroporto di quest'estate

Tampone per chi rientra dall'estero e quarantena obbligatoria: nuova ordinanza

Le misure sono state predisposte dal Governo martedì 30 marzo. Il confinamento, della durata di 5 giorni, dovrà essere seguito da un ulteriore tampone

Chi ha soggiornato negli ultimi 14 giorni all'estero, e deve rientrare in Italia, deve obbligatoriamente effettuare un tampone entro 48 ore prima dell'arrivo in territorio nazionale, meglio se nel Paese in cui ha soggiornato. Nel caso di impossibilità, il viaggiatore dovrà sottoporsi al test presso un punto di ingresso in Italia o un punto tamponi della propria Ulss di riferimento. A ciò si aggiunge anche la sorveglianza sanitaria, che prevede 5 giorni di quarantena obbligatoria, cui dovrà seguire un tampone molecolare o antigenico per confermare la negatività. Sono queste le misure decise dal Governo, valide fino al 6 aprile, contenute all'interno dell'ordinanza "Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19".

Le azienda sanitarie pubblicheranno sul sito web di riferimento le sedi dove sarà possibile eseguire i test, insieme alla fascia oraria per coloro che, con autocertificazione, faranno rientro in Italia. I Paesi esteri che prevedono l’obbligatorietà di queste indicazioni sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco.

Le norme per chi rientra in Veneto dall'estero

Ricapitolando, quindi, chi ha soggiornato nelle ultime due settimane all'estero e deve rientrare in Italia, dovrà:

  • fare un tampone 48 ore prima del rientro in Italia
  • laddove non fosse stato possibile, sottoporsi al tampone in uno dei punti indicanti dalla propria Ulss
  • osservare 5 giorni di quarantena
  • sottoporsi ad un ulteriore tampine (molecolare o antigenico) per verificare la negatività
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento